La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Venerdì 18 giugno 2021

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

La transumanza piemontese coinvolge 300.000 animali e circa 2.000 famiglie

Una pratica fondamentale per la tutela del territorio, la salvaguardia della biodiversità e la valorizzazione di una produzione lattiero-casearia di eccellenza

La Guida - La transumanza piemontese coinvolge 300.000 animali e circa 2.000 famiglie

Cuneo – È nella provincia di Cuneo, oltre che in quella di Torino, che si concentra principalmente a livello regionale la transumanza, antica pratica che consiste nella migrazione stagionale del bestiame, proclamata nel dicembre 2019 patrimonio culturale immateriale dell’umanità dall’Unesco, a conferma del valore sociale, economico, storico e ambientale della pastorizia. La transumanza piemontese coinvolge 300.000 animali tra bovini, ovini e caprini, circa 2.000 famiglie e un totale di 4.000 addetti, tra cui molti giovani.
“Un dato importante – rimarca Coldiretti Cuneo -, in un’ottica futura di mantenimento della tutela del territorio, di cura delle nostre terre alte, di salvaguardia della biodiversità e di valorizzazione di una produzione lattiero-casearia di eccellenza, che coinvolge, oltre alle aziende che praticano la transumanza, quelle che vivono e presidiano la montagna tutto l’anno”.
Per questo Coldiretti chiede da tempo alla Regione di rivedere con coraggio le impostazioni del Piano di sviluppo rurale (Psr), correggendo il mancato incremento dei fondi a supporto dei produttori montani, attraverso la misura dell’indennità compensativa per quanto riguarda l’annualità 2020, che si aggiunge ai tagli già pesanti delle annualità 2018 e 2019.

Nelle nostre vallate naturalmente non si sono mai raggiunti questi numeri. Per tradizione, la monticazione avviene tutti gli anni intorno al giorno di San Giovanni (24 giugno), mentre la demonticazione, condizioni meteorologiche permettendo, si svolge intorno a San Michele (29 settembre). È ben impresso nella mente dei meno giovani il ricordo del fragoroso scampanio notturno delle mandrie di mucche che attraversavano i paesi di fondovalle per recarsi agli alpeggi. Oggi, per motivi di traffico e di pulizia delle strade, gli spostamenti avvengono per lo più con appositi autotreni. Ma è rimasta intatta la tradizione di intere famiglie che partecipano all’evento della salita ai moderni “gias”.

Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente