La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Martedì 28 settembre 2021

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Lavori al Tenda Bis, continuano le testimonianze al processo

Cinque dipendenti della Grandi Lavori Fincosit sono imputati a Cuneo per furto e reati ambientali

La Guida - Lavori al Tenda Bis, continuano le testimonianze al processo

Limone Piemonte – Prosegue a Cuneo il troncone del processo del Tenda bis relativo ai reati di furto e reati ambientali concernenti la conservazione non autorizzata di materiale esplosivo e allo smaltimento di inerti. È solo una parte del processo che per i reati di falso ideologico e truffa è invece stato rinviato al tribunale di Torino per competenza. A. F., G. A., A. P., N. D. R. e L. M. sono i dipendenti della Grandi Lavori Fincosit che si era aggiudicata i lavori del raddoppio del tunnel, ora imputati davanti al tribunale di Cuneo. L’indagine della Guardia di Finanza aveva preso avvio nel 2016 da un’informazione secondo la quale al cantiere venivano prelevati e rivenduti materiali da costruzione. Le indagini avevano rivelato che dal cantiere sarebbero stati prelevati e rivendute circa 212 tonnellate di ferro per un importo stimato di 23.000 euro sui percorsi dei camion tracciati, ma che potrebbe essere anche più consistente. Dopo i testimoni dell’accusa è stata la volta delle difese, a partire dai testimoni del direttore tecnico del cantiere, la cui tesi è che quel materiale prelevato erano in realtà degli scarti di lavorazione: “Facevamo lavori di movimentazione terra e rientrò nel contratto anche lo smaltimento di alcuni materiali ferrosi situati all’esterno del tunnel – ha riferito il direttore tecnico di una delle ditte incaricate -. Due volte abbiamo eseguito questo smaltimento”. Chiamato a testimoniare anche l’ingegnere responsabile del servizio di protezione e prevenzione del cantiere che aggiornava il registro di carico e scarico dei rifiuti: “Trascrivevamo i formulari di smaltimento che la ditta ci forniva. Facevamo sopralluogo ma all’esterno del tunnel e ci occupavamo soprattutto di individuare le necessità dal punto di vista delle autorizzazioni per il cantiere”. Il processo proseguirà il 25 giugno.

Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente