La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Lunedì 15 agosto 2022

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Droga in auto e soldi a casa, condannato 43enne fossanese

Era stato fermato in auto dai Carabinieri mentre transitava a Marene, poi la perquisizione domiciliare: quasi due chili di hashish

La Guida - Droga in auto e soldi a casa, condannato 43enne fossanese

Fossano – Era stato fermato dai Carabinieri di Cavallermaggiore mentre con la sua auto transitava a Marene. Nella macchina i militari trovarono un chilo di hashish suddiviso in panetti e alcune centinaia di euro. Nella sua abitazione di Fossano i militari trovarono altri 900 grammi di droga, un bilancino di precisione e 53.000 euro in banconote, in due borsoni, uno in casa e l’altro nella cantina. La sostanza stupefacente era di elevata qualità e corrispondente a circa 18.000 dosi. Era l’agosto 2020 e con l’accusa di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti venne rinviato a giudizio G. S., 43enne fossanese. Agli inquirenti l’uomo aveva dichiarato di non avere un lavoro e di percepire il reddito di cittadinanza. Per l’imputato, che aveva già due precedenti specifici risalenti al 2005-2006, l’accusa ha chiesto una condanna a sei anni e 26.000 euro di multa, ritenendo inverosimile che, come G. S. aveva dichiarato, quella somma provenisse da un regalo della mamma: “Nessuno di noi tiene una cifra del genere in una borsa in cantina – ha detto il sostituto procuratore Carla Longo che ha coordinato le indagini -, tanto più che l’imputato non aveva un lavoro e percepiva il reddito di cittadinanza”. L’avvocato Piercarlo Botto ha invece ricordato l’atteggiamento collaborativo del suo assistito che ha rivelato agli inquirenti sia la persona da cui aveva acquistato la droga, sia il nome e l’indirizzo della persona a cui doveva venderla; una collaborazione attiva, in virtù della quale ha chiesto l’applicazione della legge che prevede una riduzione della pena. Inoltre la difesa ha chiesto la restituzione di parte della somma sequestrata: “Il mio assistito – ha detto l’avvocato – ha ammesso che i 16.000 euro del borsone che era in casa erano provento dello spaccio, ma i 35.000 euro nascosti in cantina erano i risparmi della sua attività di imbianchino, interrotta a causa del lockdown”.
La giudice ha accolto la richiesta di riduzione della pena per la collaborazione e ha condannato G. S. a tre anni di reclusione e 8.000 euro di multa, disponendo anche la restituzione dei 35.000 euro. Infine è stata confermata la misura cautelare per 18 mesi (immagine di repertorio).

Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente