La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Lunedì 28 novembre 2022

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Centri estivi le indicazioni aprono a più possibilità rispetto alla scorsa estate

Non c'è più un rapporto prestabilito fra educatori e bambini, le attività vanno organizzate in bolle e dovrà esserci un responsabile Covid

La Guida - Centri estivi le indicazioni aprono a più possibilità rispetto alla scorsa estate

Cuneo – Sono uscite allegate all’ordinanza del Ministro della salute del 21 maggio le tanto attese linee guida per le attività con bambini e ragazzi nei centri estivi. E le possibilità di fare attività, compresi i campeggi estivi, sono più ampie rispetto alla scorsa estate.
Prima novità è che non ci sarà quest’anno, diversamente dall’anno scorso, un rapporto numerico prestabilito e fisso tra educatori/animatori e ragazzi, né la divisione rigida per età. L’accesso alle attività deve avvenire tramite iscrizione, e il numero deve tenere conto conto degli spazi a disposizione per le raccomandazioni sul distanziamento fisico. Resta infatti la necessità di “garantire il distanziamento interpersonale di almeno un metro e l’utilizzo dei dispositivi di protezione individuale, così come previsto dalla normativa vigente”, per cui è fondamentale l’organizzazione in gruppi e l’organizzazione di una pluralità di diversi spazi o aree per lo svolgimento delle attività programmate. Dal punto di vista organizzativo quindi il vincolo maggiore è costituito dal fatto che le attività devono svolgersi in “bolle”. In ogni oratorio, gruppo sportivo o gruppo associativo deve esserci un referente per Covid-19 che sovraintenda il rispetto delle disposizioni previste. Devono essere predisposti anche spazi separati du isolamento per i casi sospetti. Il gestore deve prevedere un registro di presenza di chiunque sia presente alle attività, per favorire le attività di tracciamento di un eventuale contagio da parte delle autorità competenti. La procedure di accoglienza sono le stesse, dichiarazione e misurazione della febbre.
Il gestore deve assicurare, almeno una volta al giorno, l’adeguata pulizia di tutti gli ambienti e dei servizi igienici, nonché un’igienizzazione periodica.
Se sono previsti pasti, gli operatori, educatori o animatori, anche volontari, devono oltre al lavaggio delle mani, essere utilizzare sempre posate, bicchieri e stoviglie monouso, possibilmente biodegradabili.
È possibile organizzare visite e gite in giornata, nel rispetto delle vigenti disposizioni di sicurezza, con particolare riguardo al settore trasporti.
Sono previsti anche i campeggi prevedendo erogatore di gel idroalcolico per le mani all’ingresso di ogni camera e almeno un metro fra i letti, con eventuale inversione alternata delle testate degli stessi; assicurare la distanza di almeno un metro anche durante l’igiene personale dei minori; giornalmente deve essere misurata la temperatura corporea; mantenere sempre distinta la biancheria di ogni persona.

Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente