La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Venerdì 23 luglio 2021

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Sindacati dell’edilizia: “Sì al lavoro, no all’assenza di regole”

Annunciata una mobilitazione senza precedenti: "Se il decreto semplificazioni di cui si sta discutendo dovesse prevedere massimo ribasso generalizzato e liberalizzazione dei subappalti, vorrà dire tornare alla giungla nei cantieri"

La Guida - Sindacati dell’edilizia: “Sì al lavoro, no all’assenza di regole”

Cuneo – I sindacati confederali che nella Granda rappresentano gli operatori dell’edilizia non accettano le ipotesi di “liberalizzazione” dei subappalti e annunciano forme di mobilitazione senza precedenti, se non verrà perseguita una linea di garanzie e di tutele.
La semplificazione non è sinonimo di deregolamentazione – affermano in una nota congiunta i segretari provinciali di Feneal Uil, Filca Cisl e Fillea Cgil, cioè Salvatore Correnti, Vincenzo Battaglia e Nicola Gagino -, soprattutto quando va a colpire la legalità e la qualità del lavoro. Qualità intesa anche come sicurezza, prevenzione e certezza salariale. Altroché contrasto ai morti sul lavoro, altro che rigenerazione e riqualificazione, innovazione e qualità altro che mobilità sostenibile, se il decreto semplificazioni di cui si sta discutendo in queste ore dovesse prevedere massimo ribasso generalizzato e liberalizzazione dei subappalti, vorrà dire tornare ai peggiori anni Cinquanta, alla giungla nei cantieri, all’apertura agli illeciti, al cottimo e la risposta sarà sin dalle prossime ore mobilitazione immediata, assemblee permanenti in tutti i luoghi di lavoro, iniziative articolate fino allo sciopero generale dell’intera categoria. Come sindacato siamo sempre stati impegnati a proporre semplificazioni e miglioramenti amministrativi e tecnici, perché siamo i primi interessati a creare buona e stabile occupazione, a qualificare imprese e settore ma se il governo pensa di ridurre tutele e diritti a colpi di decreto, si assumerà la responsabilità di una rottura con i lavoratori senza precedenti”.

Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente