La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Lunedì 27 settembre 2021

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Un 46enne di Busca a processo per danneggiamenti e minacce

Azioni e atteggiamenti che hanno spinto una famiglia a rivolgersi ai Carabinieri

La Guida - Un 46enne di Busca a processo per danneggiamenti e minacce

Busca – I loro rapporti di vicinato erano stati normali fino al 2018, quando M. E., 46enne di Busca, avrebbe iniziato a procurare danni alla loro abitazione e a minacciarli senza un motivo dichiarato. Una serie di azioni che preoccuparono la famiglia (madre, padre e figlia, cui si aggiunse il convivente di quest’ultima), tanto da indurli a denunciare tutto ai Carabinieri nel luglio 2019. Con la pistola ad aria compressa avrebbe sparato e distrutto il loro citofono e un sensore di rilevazione della temperatura appeso sul muro esterno. Nel cuore della notte avrebbe lanciato petardi nel loro giardino. Con la stessa pistola ad aria compressa avrebbe minacciato la figlia mentre rientrava di sera a casa accompagnata da un amico. Al padre della ragazza avrebbe anche detto: “Fai attenzione a tua figlia, è giovane”; frasi che hanno spaventato la famiglia tanto da indurre il compagno della ragazza ad accompagnarla e riprenderla dal lavoro. In aula ha anche testimoniato uno psichiatra che, per conto della Procura, ha eseguito una consulenza sull’imputato cui è stato riscontrato un parziale vizio di mente ma in grado di stare in giudizio. “Inizialmente abbiamo provato a parlarci – ha riferito il denunciante costituito parte civile in giudizio -, ci aveva fatto 900 euro di danni e gli portammo il preventivo delle riparazioni, ma lui negò la responsabilità e disse che non avrebbe pagato. Ancora lo scorso aprile ci ha lanciato delle uova contro la facciata di casa. Lo abbiamo visto con le telecamere che avevo installato sulla porta di casa”. “Lanciava petardi nel cuore della notte – ha raccontato il convivente della figlia – dalle telecamere vedevamo che lanciava qualcosa; l’audio non c’era ma nell’immagine compariva il fumo del petardo”. Dopo aver ascoltato il racconto delle parti civili, il processo è stato rinviato all’8 luglio per ascoltare gli altri testimoni.

Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente