La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Giovedì 26 maggio 2022

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Una “catena” per creare trasparenza e fiducia in agricoltura

La tecnologia blockchain si basa su un registro digitale aperto nelle filiere di approvvigionamento, per dare la massima tracciabilità

La Guida - Una “catena” per creare trasparenza e fiducia in agricoltura

Cuneo – La tecnologia blockchain si basa su un registro digitale aperto e distribuito delle transazioni, una sorta di “libro mastro” digitale, basato sul consenso tra i partecipanti alla rete.
Il suo nome, che significa “catena di blocchi”, deriva dalla sua struttura in cui i singoli record (i “blocchi”) sono collegati tra loro in un unico elenco (“catena”). I partecipanti alla rete possono verificare qualunque transazione e recuperarne la storia ma non cancellarla o modificarla.
L’impiego della blockchain nel mondo agricolo e agroalimentare è utile a creare maggiore trasparenza e fiducia tra gli attori della filiera di approvvigionamento, può fornire trasparenza e tracciabilità delle transazioni e dei dati, potrebbe anche permettere di ridurre lo spreco alimentare (si pensi che ogni anno circa un terzo del cibo generato a livello globale viene sprecato), stimando e gestendo l’effettiva offerta e la domanda di prodotti alimentari. La blockchain potrebbe essere uno strumento particolarmente utile per i governi e, soprattutto, per il settore del commercio al dettaglio, quando si tratta di norme di sicurezza alimentare. La tracciabilità dei prodotti dalla fattoria alla tavola, la provenienza (tracciando il luogo di origine, gli ingredienti e la qualità), la trasparenza e la fiducia sono immediatamente posti in primo piano nelle agende politiche. Numerose aziende hanno implementato questa tecnologia come strumento per consentire che i consumatori si fidino di cosa comprano e portano in tavola.
Oggi è la tecnologia più impiegata nelle soluzioni digitali innovative a supporto della tracciabilità alimentare e caratterizza il 43% delle soluzioni disponibili. In termini di progetti operativi, la “catena di blocchi” nell’agrifood si posiziona terzo settore assoluto, dopo la finanza e la pubblica amministrazione. Non solo: il nostro Paese guida la sperimentazione della blockchain nell’agrifood con l’11% dei progetti internazionali.

Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente