La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Venerdì 24 settembre 2021

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Frodi sul Tenda bis, parte del processo sarà a Torino

Rimangono a Cuneo i capi d’imputazione relativi al furto di materiali e le violazioni sulla detenzione di esplosivi e di materia ambientale sul trattamento dei rifiuti

La Guida - Frodi sul Tenda bis, parte del processo sarà a Torino

Cuneo – Parte del processo del Tenda bis andrà a Torino. Il giudice ha stabilito infatti che la competenza sulla frode nelle pubbliche forniture, la truffa e il falso ideologico nel processo del Tenda bis non è del tribunale di Cuneo e quindi tutto questo filone verrà inviato al tribunale competente. Resteranno invece a Cuneo i capi d’imputazione relativi al furto di materiali e le violazioni sulla detenzione di esplosivi e di materia ambientale sul trattamento dei rifiuti.
La richiesta di trasferimento per competenza era già stata avanzata a dicembre dalla difesa di gran parte dei 16 imputati, ma era stata rigettata dal giudice Massimo Scarabello, che però nel frattempo si è trasferito ad altra sede, lasciando il fascicolo al giudice Sandro Cavallo che invece ha accolto la richiesta presentata nuovamente dalle difese.
Secondo le difese i reati di falso e di truffa riguardavano la sottoscrizione dei documenti sullo stato di avanzamento dei lavori, tutti firmati a Torino dove ha sede l’Anas. Un’eccezione rigettata dall’accusa che, contestando proprio la falsità di quei documenti, riteneva non ci fosse prova che fossero stati sottoscritti a Torino. Sono cinque gli imputati in questo filone del processo: alcuni dipendenti della ditta appaltatrice Grandi Lavori Fincosit e alcuni operai. Parti civili al processo sono invece l’Anas, la Provincia di Cuneo, il Comune di Limone Piemonte e lo Stato francese. Il 14 maggio, a quattro anni dal sequestro del cantiere del tunnel, partirà quindi il processo con le deposizioni dei primi testi dell’accusa.

Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente