La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Martedì 28 settembre 2021

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Gli servivano batterie, ha distrutto la cella: detenuto a processo

Agenti di polizia penitenziaria hanno ricostruito in aula quanto accaduto la sera del 9 giugno 2019 nel carcere di Cerialdo

La Guida - Gli servivano batterie, ha distrutto la cella: detenuto a processo

Cuneo – Danneggiamento, resistenza e lesioni personali aggravate a pubblico ufficiale; è questo il risultato del momento di follia di T. B., un detenuto alla casa circondariale del Cerialdo, che la sera del 9 giugno 2019 distrusse la cella e le diede fuoco perché, da quanto è emerso nel corso del dibattimento, gli servivano delle batterie.
“Aveva divelto la cella – ha raccontato in aula uno degli agenti di polizia penitenziaria intervenuto quella sera – e appiccato il fuoco al materasso, alle lenzuola, agli abiti. Aveva distrutto il mobilio e il fumo aveva invaso la sezione. Noi dovevamo cercare di calmarlo per portarlo fuori e mettere in sicurezza la zona, ma lui era fuori di sé e non voleva uscire”.
“Aveva divelto anche il lavandino e brandiva delle schegge di ceramica e delle posate di plastica – ha riferito il secondo agente chiamato a riferire dell’accaduto -. Quando entrammo cercò di resistere tirando calci e pugni e mi colpì più volte alla spalla con uno di questi oggetti. Alla fine l’abbiamo immobilizzato e portato fuori”.
T. B. era stato appena trasferito al Cerialdo da un’altra struttura e si trovava in un regime di sorveglianza particolare, “gli chiesi che cosa gli fosse preso a distruggere tutto in quel modo – ha proseguito l’agente che era stato ferito – e lui mi disse che aveva bisogno di batterie. Gli dissi che avrebbe potuto chiedere ed evitare tutto questo”.
L’udienza è stata rinviata al prossimo 24 maggio per la discussione (immagine generica).

Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente