La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Martedì 22 giugno 2021

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Quattro mani e una tastiera: lo spettacolo del piano

“…For two to play” di Piero Meineri, pagine di storia per una tecnica di esecuzione musicale

La Guida - Quattro mani e una tastiera: lo spettacolo del piano

Se due mani sulla tastiera di un pianoforte sono già una meraviglia di leggerezza e di armonia, quattro hanno il sapore dell’inspiegabile intreccio fisico da cui può scaturire la melodia secondo un’alchimia delle venti dita che ha del misterioso, soprattutto per i non addetti ai lavori. A questo repertorio di composizioni  musicali, che chiama in causa la collaborazione e la perfetta sintonia non solo sul piano tecnico, è dedicato il libro di Piero Meineri.
Si tratta di un saggio di storia della musica spesso con pagine che richiedono una certa preparazione tecnica. La prima parte prende in analisi la storia delle esecuzioni a quattro mani, dalla nascita con una tendenza con ogni evidenza domestica, indirizzata prevalentemente a esecutrici, fino al riconoscimento con Mozart di una propria “consapevole dignità”. Il fiorire ottocentesco sancisce un posto di tutto rispetto nelle esecuzioni al pianoforte con cui si cimentano nomi di grande fama, ma anche meno noti di cui il libro dà conto. Un’evoluzione storica di cui l’autore sottolinea il ruolo didattico anzitutto, ma anche non nasconde una dimensione quasi “spettacolare” connaturata all’esibizione di coppie di artisti. È su quest’ultima direzione che il libro si avvicina anche a chi di musica è poco competente. Laddove cioè le annotazioni storiche della seconda parte si fanno strada,  l’esecuzione a quattro mani parla anche del mondo che le accoglie come pubblico.
L’epoca elisabettiana vede lo sviluppo della nuova tecnica. In essa, secondo l’autore, si manifesta un ulteriore segno di “distinzione”, in un momento di vivacità culturale, ma anche in cui il potere politico ed economico inglese va affermando il suo predominio sul mondo.
Più tardi il pianoforte è presenza costante nei salotti borghesi: “la storia del pianoforte a quattro mani, la sua nascita, ma soprattutto la sua affermazione e anche il suo declino, coincide con il destino della classe borghese”. È la media borghesia alla ricerca di un ruolo per i propri salotti anche in ambito culturale a  sostenere la produzione pianistica e in particolari i duetti.
Né manca in questo ambito qualche annotazione di colore come quella degli abiti femminili troppo ampi per un’esecuzione a quattro mani uno dei motivi per cui si impone un’estensione della tastiera.

…For two to play
di Paolo Meineri
Primalpe
14 euro

Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente