La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Domenica 18 aprile 2021

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

40 anni di agricoltura sociale e naturale insieme a ragazzi con disabilità, svantaggiati e normodotati

L'esperienza de “I Tesori della Terra” a San Bernardo di Cervasca e il sogno di un agricampeggio

La Guida - 40 anni di agricoltura sociale e naturale insieme a ragazzi con disabilità, svantaggiati e normodotati

Cervasca –  A San Bernardo di Cervasca, fin dagli anni ’80, l’agricoltura sociale è alla base del lavoro della cooperativa “I Tesori della Terra”.
“Gli animali e le piante non discriminano nessuno, che li curi un ragazzo con disabilità o normodotato, per loro è uguale – spiega Maurizio Bergia, presidente della cooperativa sociale -. E noi sentiamo molto questa missione, siamo un’impresa sociale e cerchiamo di fare in modo che il nostro agire quotidiano sia sempre nel rispetto della natura e di chi fa più fatica”.
Una filosofia sposata fin dall’inizio dai fondatori, Livio Bima e Dario Manassero (entrambi figli di contadini e membri della Comunità Papa Giovanni XXIII), già negli anni Ottanta.
“Con noi lavorano 25, tra dipendenti e soci lavoratori, molti dei quali con svantaggi, che si sono reintegrati nel tessuto lavorativo – spiega Bergia -. E poi ci sono i 15 ragazzi disabili, che frequentano il centro diurno della cooperativa sociale “Il Ramo” di San Rocco di Bernezzo, che vengono da noi per fare attività in fattoria, nel caseificio e nell’orto didattico bio. In un ettaro di terra coltivano prodotti che sono apprezzati anche al mercato di Cuneo, dove, dall’anno scorso, li propongono ai clienti di piazza Seminario. Si occupano anche della manutenzione del verde nella rotonda sulla statale Cuneo – Dronero. Gli spazi dilatati e i tempi della natura sono terapeutici”.
Un contesto che fa bene a tutti e, a chi fa più fatica, ancora di più. “La terra cura – dicono dalla cooperativa – e consente la relazione. E in agricoltura siamo tutti colleghi, tutti sullo stesso piano, sia nei campi che nel caseificio”.
“Nel 2013 abbiamo realizzato la prima ecostalla d’Italia – spiega Bergia -: gli animali non sono stati creati per stare sul cemento, siamo noi uomini che ce li abbiamo messi. Qui vivono nella lettiera formata dal compost che arriva dalle nostre case”.
Inoltre sta prendendo for- ma anche il cosiddetto “pollaio mobile”. Si tratta di un abbinamento tra mucche e galline.
E per il futuro?
Conclude Maurizio Bergia: “Stiamo progettando un agricampeggio: un posto in cui il turista non sarà passivo, ma coinvolto nelle nostre attività. Stiamo partecipando a un bando europeo e abbiamo fatto un sondaggio per raccogliere abitudini e suggerimenti. E, Covid permettendo, quest’estate accoglieremo i primi giovani e le famiglie che vorranno trascorrere un po’ di tempo con noi”.

Nella foto la visita all’ecostalla dei Tesori della Terra di qualche anno fa del vescovo Piero Delbosco

Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente