La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Mercoledì 20 ottobre 2021

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Con i complici rapinò un parente a Dronero, in carcere

L'episodio avvenne a ottobre, due persone in carcere per rapina e altre due ai domiciliari per spaccio

La Guida - Con i complici rapinò un parente a Dronero, in carcere

Dronero – Due persone sono state arrestate per la rapina in abitazione messa a segno a Dronero nell’ottobre scorso: le indagini dei Carabinieri hanno permesso di individuare i responsabili, un 48enne di Busca e un 42enne di Villafalletto, finiti in carcere a Cerialdo con l’accusa di rapina aggravata.
I militari dell’Arma sono risaliti ai due in seguito a indagini, in cui è emerso che uno dei due era imparentato con i rapinati: era stato lui a coinvolgere il 42enne (pluripregiudicato per reati simili) e un paio di altre persone. Nelle perquisizioni domiciliari, sono stati trovati preziosi e denaro: a Villafalletto monili in oro, orologi e materiale di interesse, oltre a proiettili calibro 22 (per cui è scattato anche il reato di detenzione abusiva di munizioni); presso gli altri indagati, banconote per un importo complessivo di oltre 15.000 euro e altri monili in oro, su cui sono in corso accertamenti.
Nel corso delle indagini per la rapina è emerso il coinvolgimento degli indagati in episodi di spaccio di stupefacenti: un italiano di 38 anni e un albanese 32, che sono stati indagati ma non incarcerati, ritenuti fiancheggiatori nella rapina, nelle perquisizioni domiciliari sono stati trovati in possesso di 22 e 11 grammi di cocaina, oltre a un bilancino e contanti. Per loro sono scattati gli arresti domiciliari per detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio.
Secondo quanto ricostruito dai Carabinieri, la notte del 13 ottobre scorso alcuni soggetti raggiunsero una villetta isolata da una strada sterrata priva di illuminazione, per fare irruzione. Il cane della famiglia, però, abbaiò: insospettita, una ragazza aprì la porta finestra della cucina per vedere in giardino e si trovò di fronte tre individui a volto coperto e armati di bastoni. Lei e la sorella minorenne furono subito bloccate, mentre i ladri cercavano oro e preziosi nella stanza dei genitori. Poco dopo il fratello riuscì a contattare i Carabinieri col cellulare: fu aggredito e gettato a terra. I Carabinieri di Dronero, raggiunta l’abitazione, costrinsero il “palo” all’esterno della villetta a richiamare i complici, tramite radioline portatili, e a scappare con loro, a piedi; l’auto usata dai malviventi, rubata poche ore prima, fu recuperata nelle vicinanze. Intervenne anche personale del 118, per il soccorso alle persone colpite.

Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente