La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Sabato 28 maggio 2022

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Didattica in presenza per i disabili e i figli dei lavoratori “essenziali”

Lo stabilisce una norma del Ministero dell'Istruzione, ma sono le famiglie che devono fare domanda al dirigente scolastico

La Guida - Didattica in presenza per i disabili e i figli dei lavoratori “essenziali”

Scuola

Roma – La didattica in presenza deve essere garantita anche in zona arancione scuro per gli alunni con disabilità o con bisogni educativi speciali e per gli studenti figli di lavoratori che espletino attività essenziali. Lo specifica una nota emanata ieri, giovedì 4 marzo, dal Ministero dell’Istruzione, dal momento che l’andamento della curva epidemica ha imposto o sta imponendo in questi giorni quasi ovunque la chiusura delle scuole.
Nella categoria dei lavoratori essenziali rientrano il personale sanitario (medici, infermieri, oss) in prima linea nella cura e nel contrasto al coronavirus, il personale sanitario delle Rsa, le Forze dell’ordine ed il personale scolastico impegnato nelle attività in presenza. Facendo riferimento alle categorie Ateco individuate in occasione del primo lockdowm di marzo 2020, anche i lavoratori impiegati nella grande distribuzione e nei trasporti dovrebbero rientrare nel provvedimento.
La misura riguarda gli alunni di materne, elementari, medie e superiori. Sono, però, le famiglie che devono fare espressa e motivata richiesta al dirigente scolastico, tenuto ad accogliere l’istanza, a meno che non ci siano le condizioni che lo impediscano, come la messa in quarantena della classe interessata a seguito di un contagio da Covid-19.
Il Miur non specifica, però, il numero minimo di ore che devono essere garantite: s’intende, quindi, che ogni dirigente predisporrà il servizio in relazione al numero di docenti (anche di sostegno) a disposizione. Non è specificato nemmeno il numero degli alunni che potranno restare in presenza, ma per non ghettizzare gli alunni disabili, è previsto che possanno essere coinvolti, su base volontaria, alcuni compagni del bambino o ragazzo disabile, al fine dell’inclusione.
Resta da chiarire se la didattica in presenza per i figli dei lavoratori essenziali cessi qualora uno dei due genitori lavori in smart working.

Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente