La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Venerdì 30 luglio 2021

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Lite finita in coltellata, assolta: agì per legittima difesa

Era accusata di tentato omicidio, colpì il convivente al petto con un coltello dopo che lei l'aveva picchiata e gettata a terra

La Guida - Lite finita in coltellata, assolta: agì per legittima difesa

Cuneo – Era stato un gesto di legittima difesa e per questo motivo il collegio del tribunale di Cuneo ha assolto N. M. la donna che la sera dell’11 settembre 2019 accoltellò al petto il convivente L. D. P. procurandogli una gravissima ferita. Da quella sera la donna si trovava in carcere con l’accusa di tentato omicidio. Tra i due, entrambi con un difficile passato di dipendenza da droga, da anni c’era una complicata relazione fatta di continui litigi e discussioni. Quello che è emerso durante l’istruttoria è che, oltre ai litigi, c’erano anche le botte che la donna subiva dal convivente. Dalla ricostruzione dei fatti emersa in tribunale, quella sera nell’appartamento di via Manfredi di Luserna a Cuneo ci fu l’ennesima discussione e ancora una volta N. M. fu picchiata e spintonata a terra. L’uomo avrebbe preso un coltello dalla cucina per minacciarla e anche lei, temendo il peggio, ne prese uno. Nella colluttazione che seguì, la donna lo ferì al petto. Secondo l’accusa, che nell’ultima udienza aveva contestato l’aggravante del codice rosso per via della convivenza tra i due, la donna armata di due coltelli si sarebbe scagliata contro il convivente e lo avrebbe colpito e per questo al termine del giudizio abbreviato aveva chiesto la condanna a sei anni di reclusione. “Non lo colpì con due coltelli – ha ribattuto Giulia Dadone, avvocato dell’imputata – e questo è stato provato dal diverso tipo di tracce ematiche sulle due lame. L’altro coltello lo aveva lui e quando cadde a terra ferito la lama si sporcò di sangue”. Una tesi accolta dal collegio dei giudici che ha assolto la donna con formula piena per aver agito in uno stato di legittima difesa.

Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente