La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Domenica 18 aprile 2021

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Il nuovo Dpcm: “Scuole sempre chiuse in zona rossa”

Draghi firma il suo primo Dpcm con le misure che saranno in vigore dal 6 marzo al 6 aprile. Nelle zone arancioni e gialle le scuole potranno essere chiuse anche in singoli Comuni se i casi superano la soglia di 250 su 100.000 abitanti o per incrementi improvvisi di contagi

La Guida - Il nuovo Dpcm: “Scuole sempre chiuse in zona rossa”

Roma – Scuole sempre chiuse, con didattica a distanza, nelle zone rosse, mentre negli altri casi gli enti locali hanno la facoltà di chiudere gli istituti quando si supera la quota di 250 casi ogni 100.000 abitanti, a prescindere dal colore delle zone. È questa la novità principale contenuta nel primo Dpcm firmato da Mario Draghi, che sarà in vigore dal 6 marzo fino al 6 aprile.

Le scuole. Il governo ha recepito le indicazioni del Cts e ha deciso quindi di chiudere le scuole di ogni ordine e grado in modo automatico in zona rossa, mentre nelle altre aree (gialle e arancioni) saranno i governatori e i sindaci a decidere l’eventuale chiusura delle scuole in caso di aumento dell’incidenza dei casi nelle zone in cui vi siano più di 250 contagi ogni 100.000 abitanti nell’arco di 7 giorni, in caso di presenza certificata di casi da variante o nel caso di incremento improvviso di contagi nell’ultima settimana. La restrizione può essere applicata anche solo a singole aree o Comuni dove si verifichino queste condizioni.

Il Dpcm è stato presentato dai ministri della Salute e degli affari regionali, Roberto Speranza e Maria Stella Gelmini, dal presidente del consiglio superiore della Sanità, Franco Locatelli e dal presidente dell’Istituto superiore di Sanità, Silvio Brusaferro.

Cinema, teatri, impianti sportivi. Tra le altre novità la possibilità di riapertura, invece, di cinema e teatri, a partire dal 27 marzo e nelle zone gialle, rispettando protocolli di sicurezza e salvo peggioramenti della curva epidemiologica. La capienza non potrà superare il 25% di quella massima, fino a 400 spettatori all’aperto e 200 al chiuso per ogni sala. Rimangono chiusi palestre, piscine e impianti sciistici.

Confermato il coprifuoco dalle 22 alle 5, ma nelle zone bianche le Regioni possono rinviare l’orario di inizio, confermato il divieto di spostamento tra le regioni.

 

 

 

 

Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente