La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Martedì 17 maggio 2022

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Cuneo e la “Deco” del “Cuneese al Rhum”, nuovo slancio

La famiglia Arione ha presentato in questi giorni l’istanza di attribuzione, per rafforzare il progetto di valorizzazione dei prodotti di eccellenza

La Guida - Cuneo e la “Deco” del “Cuneese al Rhum”, nuovo slancio

Cuneo – Si rafforza e riprende vigore il percorso per la “Deco” dedicata al “Cuneese al Rhum”: la famiglia Arione ha presentato in questi giorni l’istanza di attribuzione del marchio De.C.O. dando lo slancio definitivo al progetto di valorizzazione dei prodotti di eccellenza del territorio cuneese anche in un’ottica di promozione turistica del territorio.
Il Comune ha tra i propri fini istituzionali il sostegno e la tutela delle tradizioni e conoscenze relative alle attività agroalimentari e gastronomiche dirette alla produzione e preparazione di prodotti e di specialità locali tipiche di Cuneo.
Sin dal 2016 l’amministrazione comunale si è dotata di un regolamento per perseguire questi fini ed ha istituito il marchio collettivo “De.C.O. di Cuneo” “Denominazione Comunale di Origine di Cuneo”.
Il marchio collettivo è un segno distintivo che ha la funzione di garantire particolari caratteristiche qualitative di prodotti e servizi di più imprese e li contraddistingue per la loro provenienza, natura o qualità; si differenzia dal marchio individuale che contraddistingue i prodotti e servizi di una determinata impresa da quelli delle altre imprese. Dopo l’adozione del Regolamento furono presentate alcune istanze di attribuzione del marchio collettivo De.C.O. di Cuneo: il Tupunin e le Miche di Cuneo, due tipi di pane, ed il Cuneese al Rhum.
Il Cuneese al Rhum è un prodotto dolciario progettato e creato da Arione nel 1923 e fu tutelato sia con un brevetto del 1943, sia con registrazioni di marchi risalenti agli anni Trenta.
Nel corso degli anni successivi numerosi artigiani pasticceri produssero dei prodotti dolciari con caratteristiche sempre più vicine alla ricetta originale. Per tutelare e proteggere questo patrimonio cuneese, gli stessi artigiani nel 2006 costituirono la “Associazione per la valorizzazione e la tutela del Cuneese al Rhum” e di fronte al notaio nominarono presidente Andrea Arione (nella foto sotto, deceduto nel 2016). Lo statuto dell’associazione riconobbe il disciplinare di produzione del Cuneese al Rhum come il documento a cui si riferivano tutti i produttori artigiani appartenenti al sodalizio. Andrea Arione permise la condivisione del suo disciplinare con gli altri artigiani, depositando agli atti il documento di riferimento.
Con l’attribuzione della De.C.O. al Disciplinare del Cuneese al Rhum la giunta municipale ha riconosciuto un prodotto di eccellenza, con la cui storia si lega a quella del Comune di Cuneo. Tutti coloro che seguiranno il disciplinare potranno fregiarsi del marchio collettivo De.C.O. di Cuneo. Gli stessi produttori hanno riconosciuto che la famiglia Arione è l’unica titolata ad utilizzare il nome “Cuneesi/e al Rhum” in virtù dell’origine storica, mentre gli artigiani che vorranno fregiarsi del marchio De.C.O. dovranno denominare i loro prodotti interponendo il nome della loro ditta tra la dicitura “Cuneesi/e” e “al Rhum” e avranno così, sia la distinzione dal prodotto originale della famiglia Arione, sia dalle produzioni industriali che non seguono il disciplinare.

Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente