La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Lunedì 8 marzo 2021

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Un anno fa mentre sfilavano i carri a Cuneo, i primi tre tamponi al Santa Croce

Nelle prime ore del pomeriggio veniva predisposto l’allestimento di tende della Protezione civile per le attività di pre-triage di fronte al Pronto Soccorso

La Guida - Un anno fa mentre sfilavano i carri a Cuneo, i primi tre tamponi al Santa Croce

Cuneo – Un anno fa il 23 febbraio era domenica. A Cuneo era la domenica della sfiltata dei carri di Carnevale, partita con qualche incertezza fino all’ultimo. È stata l’ultima manifestazione pubblica del 2020. Da quella sera sarebbe iniziato il rimpallo di chiusure progressive, a partire dalle scuole, che portò al lock down generale del 9 marzo.
In quello stesso giorno di festa a Cuneo c’era chi non faceva festa, ma si preparava a qualcosa di cui non sapeva neppure la portata e la durata.
Al Santa Croce e Carle di Cuneo venivano fatti i primi tamponi, i test del “coronavirus covid19”, a tre cittadini cinesi che nella mattina della domenica avevano fatto registrare una debole positività al contagio ed erano stati ospedalizzati.
“I tre – scrivevamo su www.laguida.it un anno fa – avevano fatto rientro in Italia dalla Cina attraverso un volo indiretto proveniente da Mosca, risultando asintomatici e negativi ai controlli della temperatura in aeroporto. Giunti al loro domicilio, a Roreto di Cherasco, si erano messi in isolamento volontario, richiedendo l’intervento dei sanitari alla comparsa di sintomi che potevano far pensare all’avvenuto contagio. Dopo le prime analisi, con esito dubbio, sono stati quindi sottoposti ad un nuovo test di conferma, che ha sciolto le iniziali riserve, con un risultato, appunto, negativo”.
In Piemonte c’erano tre casi e venivano eseguiti 45 test senza riscontri di nuovi casi positivi.
Intanto a Cuneo fuori dal Pronto Soccorso del Santa Croce nelle prime ore del pomeriggio veniva predisposto l’allestimento di tende pneumatiche della Protezione civile per le attività di pre-triage, in modo che gli eventuali casi sospetti di contagio potessero accedere a un percorso differenziato. In pratica, prima di entrare nel Pronto soccorso, si viene sottoposti alla misurazione della febbre e alle domande necessarie a indirizzare il paziente verso il percorso sanitario più appropriato. Dal 24 le tende compariranno anche a Savigliano, Mondovì, Saluzzo e Ceva. E da quello stesso giorno si cerca di impedire a chi ha sintomi influenzali di lieve entità di recarsi in pronto soccorso “ma telefonare al 1500, numero unico attivato dal ministero della salute, al 112 o al proprio medico di famiglia, e attendere in casa le istruzioni”.

Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente