La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Domenica 7 marzo 2021

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Non ha rispettato l’obbligo di assistenza, condannata

La donna però si difende per i problemi economici e accusa l'ex marito di averle messo contro i figli

La Guida - Non ha rispettato l’obbligo di assistenza, condannata

Niella Tanaro – Da anni non pagava la propria quota di contributi all’ex marito presso il quale vivevano i figli fin dalla loro separazione e per questo è stata condannata dal tribunale di Cuneo alla pena di tre mesi e 800 euro di multa. S. I. L. era stata denunciata dall’ex marito, dal quale aveva divorziato nel 2016, perché proprio a partire da quella data avrebbe smesso completamente di versare la somma di 500 euro mensili più le spese extra di gestione dei figli. “Negli ultimi cinque anni ha versato solo 400 euro a febbraio 2017 – ha riferito l’uomo -. Proprio in quell’anno ho avuto un terribile incidente e sono rimasto in coma per 40 giorni. Non ho potuto lavorare per otto mesi. Mi hanno sempre aiutato i miei genitori”.
La donna, un’ambulante sulle piazze del monregalese, che nel frattempo si è creata un’altra famiglia, ha riferito di aver avuto molti problemi economici nella sua attività e di aver cercato di contribuire ed essere presente con i figli, ma che questo era stato impossibile perché il padre avrebbe sempre avuto un atteggiamento ostruzionistico, tanto che i figli non la volevano vedere.
“Li aiutiamo come possiamo, per le spese che ci sono – hanno riferito i due genitori dell’uomo che si è costituito in giudizio con i figli -: utenze, vestiario, libri per la scuola. Anche quando è stato ricoverato per l’incidente ci alternavamo tra casa e ospedale”.
In sua difesa la donna ha portato la testimonianza delle due dipendenti che hanno riferito di essere state licenziate nel 2018 per il poco lavoro, e il nuovo compagno che ha detto di essere rimasto anche lui senza lavoro dallo scorso dicembre.
“L’imputata – ha concluso il pubblico ministero nel chiedere la condanna – non ha mai chiesto al giudice di ridurre l’assegno o sospenderlo per le sue eventuali difficoltà, semplicemente si è disinteressata della sua precedente famiglia”.
“La signora era davvero in difficoltà economiche – ha ribattuto la difesa – e ha cercato di contribuire in altro modo ma l’atteggiamento dell’ex gli ha reso impossibili i rapporti con i figli”.
Il giudice ha accolto la richiesta dell’accusa condannando la donna anche al pagamento della costituzione di parte civile dei figli e del marito per un totale di 3.000 euro più le spese legali. 

Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente