La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Giovedì 23 settembre 2021

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Ancora vietati gli spostamenti tra le regioni fino al 27 marzo

In zona rossa non ci si può recare in visita a parenti e amici

La Guida - Ancora vietati gli spostamenti tra le regioni fino al 27 marzo

mappa-colori-regioni-21-febbraio

Roma – Si è concluso nella tarda mattinata di oggi, lunedì 22 febbraio, il primo consiglio dei ministri operativo della nuova era Draghi.
L’assemblea ha varato la proroga del divieto di spostamento tra le Regioni fino al 27 marzo prossimo. Sull’intero territorio nazionale fino a tale data non sarà, dunque, possibile entrare ed uscire da Regioni e province autonome, se non per comprovate esigenze lavorative o motivi di salute. È comunque sempre consentito il rientro presso la propria residenza o il proprio domicilio.
Tra le novità del provvedimento, c’è l’istituzione del divieto di spostamento verso l’abitazione privata di parenti e amici nelle zone rosse. Nelle aree gialle e arancioni è, invece, sempre consentito una sola volta giorno, tra le 5 e le 22, fare visita a parenti e amici in due persone, oltre ai figli minori di 14 anni e soggetti disabili e non autosufficienti.

Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente