La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Domenica 7 marzo 2021

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Valanga sulla Bisalta, il Soccorso alpino recupera scialpinista ferito

La persona è stata soccorsa con un principio di ipotermia ed è stata trasportata in ospedale. "Chi ha telefonato non ha accennato alla valanga, mettendo a rischio l'intervento di soccorso"

La Guida - Valanga sulla Bisalta, il Soccorso alpino recupera scialpinista ferito

Peveragno – Sabato pomeriggio i tecnici del soccorso Alpino e Speleologico Piemonte – CNSAS sono intervenuti per una valanga che ha coinvolto due scialpinisti in discesa dal versante settentrionale del monte Bisalta, nel comune di Peveragno. La chiamata d’emergenza è partita intorno alle 12.30 per uno scialpinista con sospetta lussazione alla spalla. “Chi ha telefonato – spiegano dal soccorso alpino – non ha volutamente accennato al fatto che l’incidente fosse stato provocato da una valanga, seppur di piccole dimensioni”. L’eliambulanza 118 è decollata così senza l’unità cinofila da valanga a bordo e il tecnico del Soccorso Alpino ha intuito la reale dinamica soltanto dopo essere stato sbarcato e dopo aver intervistato l’infortunato, esponendosi al pericolo di un possibile secondo distacco del manto nevoso. L’infortunato presentava diversi traumi e un principio di ipotermia che ha suggerito all’equipe di procedere con l’imbarellamento. Le operazioni di imbarco sull’eliambulanza 118 sono state difficoltose a causa del vento, ma in conclusione l’infortunato è stato recuperato al verricello e condotto in ospedale. Un secondo scialpinista coinvolto nella valanga si è allontanato prima dell’arrivo dell’elicottero.

“Non è intenzione del Soccorso Alpino condannare chi subisce un incidente in montagna – spiegano i tecnici del soccorso in una nota – ma è importante che chi effettua una chiamata d’emergenza fornisca sempre tutte le informazioni su quanto accaduto. In questo modo si tutela la sicurezza dell’infortunato e dei soccorritori che sono in grado di pianificare un intervento già a partire dai dati ricevuti nella telefonata”.

Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente