La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Lunedì 8 marzo 2021

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Conte al Senato: Bonino e Santanché non danno la fiducia

Nella lunga discussione del pomeriggio intervengono anche due cuneesi ed entrambi annunciando, pur su sponde diverse, il no alla fiducia a Conte

La Guida - Conte al Senato: Bonino e Santanché non danno la fiducia

Roma – È in corso il secondo giorno, quello del Senato, del dibattito sulla fiducia a Conte. Il premier ha incentrato il suo discorso sulla scia di quello di ieri alla Camera dove ha incassato la fiducia con 321 sì, 6 in più della maggioranza assoluta grazie al supporto dell’ex Forza Italia Renata Polverini e di sette ex 5 Stelle ora del Gruppo Misto.
Nella lunga discussione del pomeriggio intervengono anche due cuneesi ed entrambi annunciando, pur su sponde diverse, il no alla fiducia a Conte.
Duro l’intervento della braidese Emma Bonino, la senatrice di +Europa: “Basta fare un giro in un ospedale o nelle case degli italiani per capire che la situazione descritta lei non è vera. Così come non è vero che al governo è tutta armonia per il bvene degli italiani, è una maggioranza litigiosa come litigioso e il rapporto Stato-Regioni. Ci avete sommersi di Dpcm e credo anche io che una svolta sia necessaria ma non può avvenire con una maggioranza raccogliticcia fondata su chi veniva sprezzantemente chiamato voltagabbana e ora fate assurgere a salvatore della patria. Non spetta a Conte né favorire né ostacolare le riforme a partire da quella della legge elettorale: è una prerogativa parlamentareCi serve un governo forte e responsabili e quello di Conte non lo era prima e non lo sarà dopo. La politica sono fatti, non aritmetica”.
Daniela Santanché di Fratelli d’Italia liquida il governo come quello di “Conte la qualunque con un premier che è uno, nessuno centomila, e cambia le maggioranza con la facilità con cui cambia la sua famosa pochette, per rimanere su quella “cadrega” dove ancora siede. Non ha a cuore l’interesse degli italiani”.

Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente