La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Lunedì 1 marzo 2021

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Nuovo ospedale, la commissione comunale sceglie l’area del Carle

L'indicazione nel documento di indirizzo che sarà discusso e votato nel consiglio comunale del 25 e 26 gennaio. Il sindaco Borgna: “Sarà il calcio d'inizio di un percorso epocale per la città, una fase importantissima e delicata”

La Guida - Nuovo ospedale, la commissione comunale sceglie l’area del Carle

Cuneo – L’area del Carle a Confreria è quella individuata dalla Commissione speciale comunale come sede del nuovo ospedale unico della città. L’indicazione sarà contenuta nella delibera di indirizzo, presentata dall’ufficio di presidenza della commissione, che sarà votata nel consiglio comunale del 25 e 26 gennaio.

La proposta di delibera è stata discussa venerdì 15 gennaio nella seduta della commissione speciale, riunita in videoconferenza, e ha ricevuto il parere favorevole di tutti i gruppi di maggioranza e anche della rappresentante di minoranza dell’ufficio di presidenza, Maria Luisa Martello. Contrari invece i consiglieri di minoranza Ugo Sturlese (Cuneo per i Beni Comuni), da sempre sostenitore dell’area del Santa Croce, e di Giuseppe Lauria.

“Crediamo che sia giunto il momento di operare una scelta – ha detto in apertura il presidente della Commissione, Luca Pellegrino (Centro per Cuneo Lista civica) – dopo oltre due anni di incontri della Commissione con addetti ai lavori, tecnici ed esperti, abbiamo tutti gli elementi per poter prendere una decisione e come ufficio di presidenza abbiamo presentato questo documento d’indirizzo che sarà discussoe votato in consiglio comunale per poi essere condiviso con il territorio e con la Regione”.

Il sindaco, Federico Borgna ha sottolineato l’importanza di questa scelta: “Se il consiglio comunale deciderà di approvare questa delibera, il 25 gennaio sarà il calcio d’inizio di un percorso epocale per la città di Cuneo. Una fase importantissima ed estremamente delicata per tutta la città che arriva dopo un iter serio e approfondito di analisi e di condivisione, che proseguirà nel confronto con il territorio”.

I componenti dell’ufficio di presidenza che insieme al presidente hanno presentato la delibera, Maria Luisa Martello (Cuneo Città d’Europa), Carmelo Noto (Pd) e Luca Paschiero (Crescere insieme), hanno ribadito le motivazioni della scelta e hanno proposto di proseguire il lavoro della commissione rivolto alla riqualificazione dell’area dell’attuale Santa Croce. Nel dibatitto sono poi intervenuti i rappresentanti dei gruppi di maggioranza che hanno espresso la loro posizione favorevole all’area di Confreria: Tiziana Revelli (Cuneo Solidale e Democratica), Carlo Garavagno e Gianfranco Demichelis (Pd) e Silvano Enrici (Centro per Cuneo).

Su posizioni contrarie alla scelta invece Giuseppe Lauria (“Non capisco questa accelerazione nella decisione”) e Ugo Sturlese (Cuneo per i Beni Comuni) che ha illustrato invece i punti di forza dell’area del Santa Croce e ha sottolineato: “Lo studio di prefattibilità è estremamente sbilanciato verso la localizzazione del Carle: non lasceremo nulla di intentato per cercare di cambiare questa decisione”. Il tema sarà affrontato martedì 19 gennaio nel dibattito organizzato proprio dal gruppo di Cuneo per i Beni Comuni, a partire dalle 17.45 sul sito www.laguida.it e sulla pagina facebook de La Guida, dal titolo “Ospedale unico di Cuneo: al Santa Croce si può! – Un ospedale aperto in una città aperta”. La delibera d’indirizzo, invece, sarà discussa e votata nel consiglio comunale convocato per lunedì 25 e martedì 26 gennaio.

Leggimi la notizia!
Categorie
Temi

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente