La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Lunedì 25 ottobre 2021

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Ospedale unico: “Il primo interrogativo non è dove farlo, ma se ci serve davvero”

Pro Natura e Legambiente scrivono al sindaco di Cuneo per prendere posizione sulla nuova struttura sanitaria

La Guida - Ospedale unico: “Il primo interrogativo non è dove farlo, ma se ci serve davvero”

Cuneo – Pro Natura Cuneo e Legambiente Cuneo prendono posizione sul nuovo Ospedale unico e scrivono al sindaco Federico Borgna. “Si sta discutendo in questi giorni di dove realizzare il nuovo ospedale di Cuneo, se al Santa Croce o al Carle di Confreria – si legge nella comunicazione congiunta -. Il primo interrogativo, a nostro giudizio, non è dove farlo, ma se ci serve effettivamente un ospedale unico. Quale sarà la medicina del futuro? Certamente l’epidemia in corso insegna che concentrare tutte le attività sanitarie in un unico edificio non è positivo; ci sono patologie, come il caso del Coronavirus, che richiedono aree indipendenti, isolate, meglio se lontano dalle città. Cuneo ha già questa opportunità e ha senso mantenere entrambe le strutture proprio per queste esigenze diverse. Il futuro della Medicina, poi, sarà la cura a domicilio, la prossimità, l’assistenza in remoto, mentre gli ospedali saranno invasi da tanta tecnologia che cambierà il loro aspetto e la loro funzione.  Il futuro ci dice che dovremo muoverci di meno, soprattutto con i mezzi motorizzati.
Già in passato le nostre associazioni avevano preso posizione sull’importanza di mantenere il nuovo ospedale nel centro città, al Santa Croce, per svariati motivi, tra cui la presenza della stazione ferroviaria (la ferrovia dovrebbe rappresentare il principale punto di forza per la scelta del sito) e il non consumo di suolo agricolo per realizzare il nuovo edificio. Questo è il punto più importante. La pandemia in corso ci ha messo in ginocchio, ma ben più gravi saranno, a breve, le conseguenze del cambiamento climatico che non vogliamo in nessun modo prendere in considerazione. Non possiamo più permetterci di consumare neppure un metro quadrato di suolo fertile, perché di cemento ne abbiamo già troppo e in futuro si prevede una drastica diminuzione della popolazione per cui non sapremo che cosa farne delle tante case. Invece, il suolo con gli alberi e la vegetazione è il principale antidoto contro l’aumento della temperatura.
C’è poi un altro aspetto che non viene preso adeguatamente in considerazione: come raggiungere il Carle con l’attuale viabilità? Impossibile. Quindi occorrerà prevedere nuove strade con ulteriore consumo di suolo!
La pandemia, lo ripeto, ha evidenziato come sia importante avere più strutture ospedaliere a disposizione. Il Carle potrebbe mantenere il suo ruolo storico di edificio destinato alle malattie infettive, alla lunga degenza, alle emergenze o anche, senza interventi distruttivi del suolo, come polo alimentare o per la scuola infermieri. Poiché, dicono gli esperti, nuove pandemie sono previste in futuro, perché non conservare l’edificio che già era destinato a questo scopo?
C’è poi da tenere in considerazione anche l’aspetto paesaggistico. Al Santa Croce può essere realizzata una struttura in orizzontale che sostanzialmente non altera le altezze attuali. Invece l’impatto paesaggistico del nuovo Carle sarà devastante, visibile in lontananza con la sua mole di cemento. Qualora la scelta cada sul Carle (speriamo di no), quale sarà il destino del Santa Croce? Le “suggestioni” presentate ultimamente sembrano di difficile realizzazione anche per i costi elevati e le scelte (polo universitario, albergo per i familiari dei decenti al Carle, ecc.). Non possiamo pensare di lasciare questa enorme area al degrado (il vecchio Santa Croce insegna), né prospettare un utilizzo immobiliare in una città che già abbonda di case vuote.In conclusione, prima di una scelta definitiva che inciderà sulla vita degli abitanti di Cuneo, Le chiediamo di organizzare una consultazione pubblica dei cittadini, come prevede l’OdG del Consiglio Comunale di Cuneo, che il 19 Novembre 2018 approvava all’unanimità l’istituzione dell’Ospedale Unico”.

 

Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente