La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Martedì 18 maggio 2021

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Natale e capodanno senza uscire dal proprio Comune

Raccomandazione a non accogliere in casa persone non conviventi, scuole in presenza dal 7 gennaio, divieto di spostarsi tra Regioni, stop alla circolazione dalle 22 alle 5

La Guida - Natale e capodanno senza uscire dal proprio Comune

Cuneo – Scatta il nuovo Dpcm, decreto del presidente del consiglio dei ministri, con le misure per far fronte all’emergenza sanitaria nelle prossime settimane. E si tratta di misure più restrittive, improntate al rigore per Natale e capodanno (nonostante le richieste delle Regioni, con le quali nelle ore scorse si è innalzato il livello dello scontro e che hanno espresso “rammarico e stupore” per il metodo del confronto e la considerazione per le aspettative). L’obiettivo è di “avere tutta l’Italia in area gialla a fine anno, tanto più ora che l’indice Rt è sceso a 0,91, e soprattutto scongiurare il rischio di una terza ondata, che potrebbe essere violenta”, ha sottolineato Conte.
Quello firmato e presentato nella serata di oggi (giovedì 3 dicembre) dal premier Giuseppe Conte è il primo Dpcm con durata di circa 50 giorni, rispetto agli abituali 30; soprattutto, però, il provvedimento va a normare un periodo “delicato” come le festività di fine anno.
Tra i punti più rilevanti: dal 21 dicembre al 6 gennaio divieto di spostamento tra le Regioni, il 25 e il 26 dicembre e il 1° gennaio anche tra i singoli Comuni (escluse le “comprovate esigenze” di lavoro, salute e necessità da autocertificare, compresa l’assistenza a persone non autosufficienti; rimane sempre consentito il rientro al proprio domicilio o residenza, quindi “con possibilità di ricongiungimento delle coppie conviventi”); divieto di spostamento dalle 22 alle 5 per tutto questo periodo, mentre il 1° gennaio questo divieto varrà fino alle 7 del mattino; c’è anche la “forte raccomandazione” a non ricevere a casa persone non conviventi, nelle giornate clou delle feste.
Per la scuola, dal 7 gennaio riprenderà la didattica in presenza nelle superiori, per il 75% degli studenti; bar e ristoranti in area gialla saranno sempre aperti a pranzo (compreso Natale e Santo Stefano), in area arancione e rossa dalle 5 alle 22 ma solo per asporto; alberghi aperti in tutta Italia ma con limitazioni al servizio ristorazione (solo in camera); quarantena per chi giunge in Italia dall’estero; confermata la chiusura degli impianti sciistici fino al 6 gennaio (crociere sospese dal 21 dicembre al 6 gennaio). In dicembre, i negozi possono rimanere aperti fino alle 21; fino al 15 gennaio, poi, nei prefestivi e festivi in centri commerciali potranno rimanere aperti solo negozi di alimentari e beni essenziali; annunciato anche l’avvio del piano Italia Cashless, con l’extracashback di Natale dall’8 dicembre per sostenere gli acquisti nei negozi fisici con pagamento tracciabile (bancomat, carte di credito, app, ecc.).

Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente