La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Lunedì 28 novembre 2022

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Lancio di bottiglie in una sala slot, rissa tra due uomini

Assolto il giovane B.Z. resosi protagonista di una rissa a Mondovì, nella stessa strada dove aveva sfondato la porta di una parrucchiera

La Guida - Lancio di bottiglie in una sala slot, rissa tra due uomini

Mondovì – Stesso luogo, via Beccaria a Mondovì, reato diverso. Dopo essere stato processato e condannato pochi giorni fa al tribunale di Cuneo per aver cercato di rubare in un salone da parrucchiera sfondando la porta con una bicicletta, ora il giovane B.Z. si è trovato di nuovo a giudizio per una rissa all’interno di una sala slot sempre in via Beccaria, avvenuta il 13 marzo del 2018, pochi mesi prima del tentato furto. Quel giorno erano intervenuti i carabinieri del Nucleo Operativo i quali, pattugliando la zona, avevano notato alcune persone che si allontanavano di corsa dalla sala slot. Sulla porta d’ingresso del locale una persona li aveva avvisati che all’interno due uomini si stavano picchiando. Quando entrarono videro B.Z. che lanciava una bottiglia a B.M. che stava scappando, ferito al volto. Venne chiamata un’ambulanza che curò i due uomini che rifiutarono di essere portati in ospedale e non sporsero denuncia.
Dalle telecamere interne i militari videro che B.Z. era inizialmente seduto davanti ad una slot e B.M. gli si era avvicinato. I due ebbero una conversazione non amichevole, tanto che si vede B.Z afferrare una bottiglia da un tavolo e lanciarla contro l’altro. A quel punto anche B.M. aveva lanciato delle bottiglie all’indirizzo dell’imputato e così via fino all’arrivo dei carabinieri. Inizialmente tutti e due gli uomini erano indagati, poi la posizione di B.M. venne archiviata. Il pubblico ministero ha chiesto per l’imputato una condanna a 9 mesi di reclusione. Per la difesa invece si era trattato di un reciproco lancio di oggetti ed in ogni caso mancava la procedibilità poiché la presunta parte offesa non aveva mai sporto denuncia. Una tesi accolta dal giudice che ha assolto l’imputato per insussistenza del fatto.

Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente