La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Martedì 27 luglio 2021

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Piemonte da rosso ad arancione all’inizio della prossima settimana

L'annuncio ufficiale arriverà domani dal ministro Speranza ma lo ha anticipato Cirio in un video: aperti i negozi, i mercati, ci si sposta senza autodichiarazione, per le scuole ancora tutto da decidere

La Guida - Piemonte da rosso ad arancione all’inizio della prossima settimana

Cuneo – Potrebbe arrivare domani, venerdì 27 novembre la notizia ufficiale con la conferma da parte del Governo del passaggio del Piemonte da zona rossa a zona arancione. Lo ha anticipato questa sera il presidente della Regione, Alberto Cirio, con un videomessaggio trasmesso in diretta sulla sua pagina Facebook.
“Si stanno riducendo il numero dei contagi, l’incidenza settimanale, l’occupazione dei posti letto, e l’Rt è sceso al di sotto dell’1. Questo significa che i sacrifici per uscire dalla zona rossa sono serviti. Ma ora serve comunque tanta prudenza. Il dato verrà formalizzato domani dal Governo ma mi è stato anticipato poco fa. Domani il ministro Speranza formalizzerà il fatto che il Piemonte potrà diventare zona arancione a partire dai primi giorni della prossima settimana” ha detto Cirio.

Il passaggio dalla zona rossa ad arancione significa la riapertura di tutti i negozi, di tutti i servizi alla persona, anche del comparto non alimentare nei mercati. Per i centri commerciali, invece, la Regione sta pensando, insieme ai sindaci, alcune limitazioni per evitare gli assembramenti. Per le scuole? “Ne parleremo con il governo – ha spiegato Cirio – vogliamo scuole in presenza, ma in sicurezza”.

Nell’area arancione è consentito spostarsi esclusivamente all’interno del proprio Comune, dalle 5 alle 22, senza necessità di motivare lo spostamento. Dalle 22 alle 5 sono vietati tutti gli spostamenti, ad eccezione di quelli motivati da comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità o motivi di salute.. Continuano ad essere vietati gli spostamenti verso altri Comuni e verso altre Regioni.
Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente