La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Domenica 28 novembre 2021

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Pulizia dei boschi, foglie e vegetali da bruciare: ecco le regole

Le indicazioni dei Carabinieri Forestali per gli abbruciamenti in boschi e in terreni non boscati: a novembre scattano alcuni divieti

La Guida - Pulizia dei boschi, foglie e vegetali da bruciare: ecco le regole

Cuneo – Nella pulizia dei boschi e dei castagneti, si opera spesso un “abbruciamento di vegetali”, con roghi per eliminare foglie e altro materiale secco. A novembre, però, scatta il divieto per alcune aree: ecco quali sono le indicazioni, secondo le disposizioni regionali (legge 15-2018) e le linee guida dei Carabinieri Forestali, per non incorrere in sanzioni e soprattutto per evitare che le fiamme si propaghino e possano causare incendi.
Anzitutto, per bosco si intendono “terreni boscati, arbustati, pascolivi e fino a 50 metri da essi”, mentre “non bosco” sono, per definizione, i terreni al di fuori del bosco ma anche i castagneti “in attualità di coltura”, cioè effettivamente coltivati.
Viene indicata una differenza tra abbruciamenti e fuochi. Gli abbruciamenti, cioè quelli con “fuoco andante” per cumuli lungo una fila o andana, sono sempre vietati nei boschi; al di fuori, sono vietati da novembre a marzo (salvo ordinanza del sindaco, per non più di 30 giorni in montagna e 15 in pianura).
I fuochi (puntiformi, cioè con roghi in singoli punti) sono consentiti al di fuori dei terreni boscati, mentre in questi ultimi sono consentiti solo da aprile a ottobre (vietati da novembre a marzo).
Quando, però, viene decretato dalla Regione lo stato di massima pericolosità per incendi sono vietati tutti i roghi.
Quando si può bruciare, occorre seguire queste indicazioni: isolare preventivamente il cumulo da accendere; custodire “fino al totale esaurimento della combustione con personale sufficiente e con mezzi idonei”; i cumuli devono essere inferiori ai tre “metri steri” (all’incirca corrispondenti al metro cubo) per ettaro al giorno, solo con residui prodotti in loco da attività agrosilvopastorali; la combustione è consentita solo di giorno e in assenza di vento.

Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente