La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Domenica 28 novembre 2021

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Trasportatori: “Danni per oltre due milioni l’anno con la val Roya chiusa”

Da Astra Cuneo al ministro De Micheli la richiesta di indennizzi dallo Stato agli operatori dell'autotrasporto su gomma del cuneese

La Guida - Trasportatori: “Danni per oltre due milioni l’anno con la val Roya chiusa”

Cuneo – Astra Cuneo, associazione di trasportatori, stima in almeno 2.250.000 euro l’anno la cifra da destinare agli operatori dell’autotrasporto di gomma per i percorsi alternativi alla valle Roya, distrutta a inizio ottobre dalla furia del maltempo.
Poche settimane fa l’associazione aveva sottolineato la necessità di riprogettare profondamente l’intera viabilità che collega la provincia di Cuneo a quella di Imperia e alla Costa Azzurra, passando per la valle Roya ora impraticabile. A nome delle aziende di autotrasporto, Astra invita la ministra delle Infrastrutture e dei trasporti Paola De Micheli, oggi in collegamento telematico con Cuneo per discutere la situazione dei collegamenti dal basso Piemonte, a prevedere una forma di ristoro per le imprese costrette a compiere tragitti maggiori di circa 100 chilometri tutti o in buona parte autostradali, con aggravi finanziari importanti.
“Pur essendo di proporzioni minori, si tratta della stessa condizione che si è verificata con il crollo del ponte Morandi a Genova e in quel caso il Governo ha previsto per Decreto degli stanziamenti a favore degli autotrasportatori per consentire il ristoro delle maggiori spese affrontate, dovendo percorrere obbligatoriamente strade alternative – sottolinea il presidente di Astra Cuneo, Diego Pasero -. È certamente diversa la causa dell’evento che ha sconvolto le valli Vermenagna e Roya, ma le conseguenze per le imprese sono le medesime con un notevole allungamento dei percorsi per raggiungere i luoghi di carico e scarico. Oltretutto è da tener presente che sono già tre anni che gli autotrasportatori italiani sopportano maggiori costi, dal momento che la francese RD6204, ora chiusa al traffico, era già stata interdetta alla circolazione dei mezzi pesanti oltre le 19 tonnellate da parte dei Comuni transalpini della valle Roya”.
Nel presentare questa richiesta scritta al ministro tramite la Confetra (Confederazione Generale Italiana dei Trasporti e della Logistica), gli uffici di Astra Cuneo hanno anche stimato le risorse che sarebbero necessarie per venire incontro alle imprese: “Abbiamo calcolato che il ristoro non dovrebbe essere inferiore ai 2.250.000 euro annui, stimando in 300 le missioni di viaggio giornaliere, sviluppate su 250 giorni lavorativi con una cifra di ristoro pari a 30 euro per viaggio – continua Pasero -. Soprattutto in questa fase non si possono lasciare le imprese sole ad affrontare ulteriori problemi, in aggiunta a quelli causati dall’emergenza sanitaria in atto. Una forma di ristoro sul modello di quanto è stato fatto per Genova è necessaria fino a quando non potrà essere ripristinata la normale circolazione”.
Per Astra occorre non perdere tempo anche per ripensare le infrastrutture viarie gravemente danneggiate, mobilitando i governi di entrambi gli Stati interessati, affinché trovino le risorse necessarie per avviare interventi strutturali che, in ogni caso, dureranno anni (nell’immagine, due tracciati alternativi per il tragitto Cuneo-Ventimiglia).

Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente