La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Venerdì 30 ottobre 2020

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Un sentiero in valle Maira dedicato a Gioele Dutto

L’alpinista, appena ventenne, era deceduto sulla Nord del Monviso nel maggio 2016. L’iniziativa di un’associazione nata in suo ricordo: il tracciato ad anello parte dalle grange Collet, raggiunge il colle Greguri, il colle Rui, il Monte Freide, il passo Lauset, il colle della Val Fissela per poi ritornare alle grange Collet

La Guida - Un sentiero in valle Maira dedicato a Gioele Dutto

Chiappera – Un sentiero per ricordare Gioele Dutto, giovane alpinista di Cervasca e membro del Soccorso alpino, deceduto appena ventenne il 21 maggio del 2016 sulla Nord del Monviso. Era l’obiettivo che si era posta quest’anno l’associazione di volontariato “La libertà oltre la breccia”, nata in sua memoria, e il tracciato è stato completato nel mese di settembre.
Si tratta di un sentiero che permette di scoprire uno degli angoli più aspri, selvaggi e di grande pregio naturalistico e storico della valle Maira: è un anello che, partendo dalle grange Collet, a monte di Chiappera (a circa 2.000 metri di quota), raggiunge prima il colle Greguri (m 2.310, ai piedi del gruppo Castello – Provenzale), poi la Colletta e il colle Rui (m 2.709), lungo un tracciato più a monte rispetto al classico percorso della Gta. Da qui segue il crestone per il Monte Freide (m 2.951), scende al passo Lauset (m 2.889) e al colle della Val Fissela (m 2.872) per poi ritornare alle grange Collet dopo una lunga discesa.
Il sentiero si può seguire seguendo i segnavia con il moschettone rosso.
Il grado di difficoltà è EE, cioè per escursionisti esperti.
“Per circa il 70% del percorso si trattava di sentieri già esistenti o di tracce di sentiero non segnalate – precisa Massimo Dutto, padre di Gioele -. Si è trattato di un progetto ambizioso che ha visto impegnati una dozzina di volontari dell’associazione tutti i fine settimana di luglio e agosto e del 5 e 6 settembre, quando sono stati posizionati i pali della segnaletica, trasportati in quota da Ketty e Kira, due splendide mule, guidate dal loro proprietario, Luciano”.

Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente