La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Mercoledì 21 ottobre 2020

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Nell’Unione europea un bambino su quattro a rischio povertà

Sono notevoli le divergenze fra i vari Stati membri, per una situazione comunque grave e urgente

La Guida - Nell’Unione europea un bambino su quattro a rischio povertà

Non sono solo le fredde statistiche di Eurostat ad attirare l’attenzione dei responsabili politici su un fenomeno di tale portata. Questa volta è la Corte dei conti europea a tirare il campanello d’allarme con un rapporto pubblicato il 29 settembre scorso.
Nella nostra Unione Europea, nel 2018, un bambino su quattro era a rischio di povertà e di esclusione sociale (circa 23 milioni), con notevoli divergenze fra i vari Stati membri. Più esposti i bambini di Romania, Bulgaria, Grecia, Italia e Spagna, con tassi che si avvicinano al 30%. Più al riparo i bambini danesi e olandesi (15,2%), cechi (13,2%) e sloveni (13,1%).
Compito della Corte dei conti europea è controllare che i fondi siano raccolti e utilizzati correttamente e contribuire a migliorare la gestione finanziaria dell’Ue. È in questo suo ruolo che la Corte ha raccomandato alla Commissione europea “di orientare e controllare gli investimenti
destinati alla lotta contro la povertà dei bambini nel prossimo esercizio di bilancio 2021-2027”. Un richiamo alla gravità della situazione, che non è certo migliorata con la pandemia di Covid-19.

Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente