La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Sabato 19 settembre 2020

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Il Ministero dell’Istruzione impugna l’ordinanza della Regione

Dopo l'annuncio dei giorni scorsi oggi la Azzolina ha firmato l'atto contro il provvedimento che impone alle scuole di misurare la febbre in mancanza dell'autocertificazione delle famiglie

La Guida - Il Ministero dell’Istruzione impugna l’ordinanza della Regione

Torino – Il Ministero della Pubblica Istruzione ha impugnato l’ordinanza della Regione Piemonte che impone alle scuole la misurazione della febbre in mancanza dell’autocertificazione delle famiglie. La Ministra Azzolina lo aveva annunciato nei giorni scorsi definendo l’ordinanza “intempestiva e inopportuna” e oggi è arrivato l’atto ufficiale, firmato con il collega Roberto Speranza, Ministro della Sanità e deposito presso il Tar.
Secondo quanto prevede l’ordinanza, in Piemonte i genitori devono segnare sul diario se si sono occupati di controllare la temperatura di proprio figlio prima di inviarlo a scuola, in caso di mancanza il compito di verificare spetta agli insegnanti. Un provvedimento contro cui nei giorni scorsi si erano schierati sia il Ministero dell’Istruzione che Ufficio Scolastico Regionale, sindacati e genitori.
In serata è arrivata la replica del presidente Cirio: “Difenderemo con forza l’ordinanza perché siamo convinti sia utile e necessaria, oltre a ricadere appieno nelle competenze della Regione, tra le quali c’è quella di tutelare la salute dei suoi cittadini – ha scritto in una nota -. Il nostro provvedimento integra le regole previste dal Governo di far misurare la febbre alle famiglie, introducendo un meccanismo di controllo in più proprio per fare in modo che tale obbligo statale sia rispettato. Sono convinto che la Regione sia nel giusto, perché l’ordinanza aumenta il livello di sicurezza per i cittadini e non introduce modifiche su quanto previsto dallo Stato, ma solo un meccanismo di controllo di quanto proprio lo Stato ha disposto per legge”.
E adesso? In attesa della pronuncia del Tar, l’ordinanza regionale rimane operativa.

 

 

Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente