La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Giovedì 1 ottobre 2020

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

La vita appesa a un filo da vivere in ogni secondo

Un ritorno alle origini di Kitchen per Banana Yoshimoto ma con una profondità e una maturità diversa

La Guida - La vita appesa a un filo da vivere in ogni secondo

Banana Yoshimoto è una delle più note e prolifiche autrici giapponesi. In Italia è diventata conosciutissima quando Feltrinelli nel 1991 pubblicò “Kitchen” una storia di una separazione traumatica e di due giovani che cercano di riemergere dal dolore con estrema fatica. Quello che sorprese era lo stile, vivido, fresco quasi leggero pur raccontando un dolore lacerante. Nel suo nuovo romanzo Banana torna a una trama simile a quella dell’esordio. Sayoko e il suo fidanzato hanno avuto un incidente in macchina dove lui muore e lei sopravvive nonostante terribili ferite. E da quel giorno deve imparare a vivere di nuovo, anche se la fatica e il dolore sono tanti. Sayoko in qualche modo si adagia a un’indispensabile bolla per ricostruire e ritrovare la parte più essenziale di noi, ciò che ci rende noi stessi. È la ricerca del mabui, di una cosa che somiglia molto all’anima e che Sayoko deve solo andarsi a riprendere.

Ambientato tra i templi e gli onsen di Kyoto, il romanzo è scritto all’indomani del terremoto e dello tsunami di Fukushima e non è altro che un inno alla vita, alla speranza. Perché chi sopravvive a una catastrofe, a una perdita di qualcuno che abbiamo a fianco, non perde soltanto quell’affetto emblema di un legame, perde anche tutto quel che quel legame può significare, compreso il senso della propria esistenza, la ragione del proprio vivere. Ma non si può fare altro che portarsi il dolore come un bagaglio che non può essere scardinato ma allo stesso tempo cercare di collocarlo in una dimensione diversa da quella vissuta. La vita è davvero sempre appena a un filo ci ricorda questo libro, è un filo e un soffio di vento ma è davvero straordinario e importante viverla in ogni secondo, in ogni piccola cosa, in ogni bello e brutto perché ognuno di noi ha un proprio posto nel mondo e nella vita degli altri.

Un ritorno alle origini ma con una profondità e una maturità diversa.

 

Il dolce domani
di Banana Yoshimoto
Feltrinelli
12 euro

 

Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente