La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Domenica 9 agosto 2020

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Nella Granda migliora la qualità dell’aria

L'Arpa (Agenzia regionale per la protezione ambientale) ha reso noto i risultati del monitoraggio della qualità dell'aria in provincia di Cuneo nel 2019

La Guida - Nella Granda migliora la qualità dell’aria

Cuneo – L’Arpa (Agenzia regionale per la protezione ambientale) ha reso noto i risultati del monitoraggio della qualità dell’aria in provincia di Cuneo nel 2019.
Nelle conclusioni si legge che “nella provincia di Cuneo i dati rilevati nel 2019 per il biossido di zolfo – SO2, il monossido di carbonio – CO, il benzene e i metalli pesanti confermano come le concentrazioni di questi inquinanti siano ormai stabilizzate su valori molto bassi e rispettino ampiamente i limiti stabiliti dalla normativa vigente. Per il biossido di azoto – NO2  i limiti normativi sono rispettati in tutta la provincia già dal 2008.
L’analisi eseguita sulla serie storica dal 2002 al 2019 degli ossidi di azoto evidenzia un trend di diminuzione con elevata significatività statistica in tutte le stazioni della provincia. La situazione dell’inquinamento da polveri sottili è complessivamente migliorata nel tempo”.

Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente