La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Giovedì 27 gennaio 2022

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Ricambi sottratti in azienda e rivenduti, padre e figlio in arresto (video)

Succedeva in un colosso metalmeccanico alle porte di Cuneo, ammanchi superiori ai 200.000 euro. Un mercato parallelo in nero a metà prezzo, anche al di fuori della Granda

La Guida - Ricambi sottratti in azienda e rivenduti, padre e figlio in arresto (video)

Cuneo – Godevano della fiducia dell’azienda per cui lavoravano (macchinari agricoli, alle porte del capoluogo), il padre come trasportatore e il figlio come magazziniere, ma ne approfittavano da tempo per sottrarre materiale e ricambi da rivendere in nero in un loro “mercato parallelo”: per i due (58 e 26 anni, di Cuneo) sono scattati gli arresti domiciliari, con l’accusa di furto aggravato e continuato in concorso. Con l’operazione “Di padre in figlio” la Squadra Mobile della Questura, guidata da Pietro Nen, ha ricostruito (da marzo alle scorse settimane) il modo di agire dei due: il figlio si occupava di “far uscire” la merce dal magazzino dell’azienda, il padre nelle sue consegne provvedeva (anche con alcune “deviazioni”) a consegnare materiale al di fuori di quello destinato al trasporto. Oltre al camion utilizzava anche la propria vettura, rifornendola però con il carburante sottratto all’azienda. Ricostruito e documentato il quadro, i poliziotti hanno poi controllato una struttura, in uso ai due, in cui era stato stoccato il materiale: da una stima dell’azienda stessa, il valore commerciale del materiale in ammanco superava i 200.000 euro. Inoltre sono stati trovati 11.000 euro in contanti e sono stati recuperati circa 2.500 litri di gasolio. Nel corso delle indagini i poliziotti erano anche venuti a conoscenza di “voci” su un mercato dei ricambi e dei componenti a metà prezzo rispetto al costo: l’ordine di grandezza dei prezzi di rivendita è stato confermato. I viaggi con le “consegne” del materiale sono stati riscontrati nelle province di Cuneo, Asti e Alessandria, ma anche Venezia, Udine e Rieti. Nel video, le immagini di alcune fasi delle indagini della Polizia di Cuneo.

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente