La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Martedì 11 agosto 2020

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Incidenti stradali, nei primi sei mesi del 2020 crolla il numero dei morti in Granda

Tra le cause anche le limitazioni alla circolazione stradale nelle settimane di chiusura generale a causa del coronovirus

La Guida - Incidenti stradali, nei primi sei mesi del 2020 crolla il numero dei morti in Granda

Cuneo – Il bilancio dei primi sei mesi 2020 dei morti legati agli incidenti stradali della Granda è più favorevole del solito. Anche a causa dell’emergenza sanitaria legata al Covid-19, che ha limitato fortemente la circolazione stradale per molte settimane, il totale dei decessi è crollato dai 19 dello stesso periodo del 2019 agli 11 di quest’anno.  In gran parte si è trattato di incidenti d’auto, soltanto in un caso era coinvolto un motociclista e in un altro un ciclista. Un dato allarmante riguarda, invece, il fatto che la metà dei morti, cioè 6 su 12, sia rappresentata da persone anziane o pensionate. Tant’è che in seguito al primo incidente dell’anno, avvenuto ad Alba il 3 gennaio 2020 nel quale una signora è morta sull’auto parcheggiata perchè investita da una pensionata che ha perso il controllo del suo veicolo,  è partita una petizione che chiede l’estensione delle limitazioni normative in vigore per i neopatentati ai conducenti oltre i 75 anni di età. Letti nel loro insieme i dati, raccolti ed elaborati dall’Ufficio Stampa della Provincia, permettono di  seguire l’andamento del fenomeno negli anni e di rilevare i cambiamenti in corso. E di cambiamenti ce ne sono stati tanti, se si pensa che nel 1998 i morti per incidenti stradali registrati in provincia di Cuneo furono 138. Poi si cominciò a scendere: 125 morti nel 1999; 122 nel 2000; 115 nel 2001; 116 nel 2002; 116 nel 2003; 105 nel 2004; 83 morti nel 2005; 71 nel 2006; 78 nel 2007; 72 nel 2008; 57 nel 2009; 68 nel 2010. Il trend in discesa è proseguito negli ultimi dieci anni, ma soltanto in un caso il dato è passato sotto la soglia dei 40 morti all’anno, esattamente nel 2016  con 33. Di norma il calcolo dei decessi è sempre rimasto intorno i 50 casi all’anno: 51 nel 2011; 51 nel 2012;  48 nel 2013; 42 nel 2014; 48 nel 2015; 33 nel 2016; 59 nel 2017; 44 nel 2018; 44 nel 2019.

 

Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente