La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Lunedì 10 agosto 2020

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

La Provincia sperimenta nuove tecnologie per il rilevamento dello stato dei ponti

Un esempio riguarda il ponte sul fiume Po lungo la strada provinciale 26 che collega l’alta valle Po alla pianura nel tratto tra Sanfront e Rifreddo

La Guida - La Provincia sperimenta nuove tecnologie per il rilevamento dello stato dei ponti

Cuneo – La Provincia di Cuneo ha avviato un progetto di censimento e rilievo della situazione dei ponti su tutto il territorio della Granda e sta sperimentando anche nuove tecnologie di rilevamento dello stato dei manufatti. Si tratta di sistemi di studio innovativi che permettono un’analisi locale approfondita di un ponte dal punto di vista idraulico e della geometria tridimensionale, eseguita con laser scanner che consente la verifica in ufficio delle misure del manufatto e degli eventuali ammaloramenti, consentendo all’ente di pianificare gli interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria.

Un esempio riguarda il ponte sul fiume Po lungo la strada provinciale 26 che collega l’alta valle Po alla pianura nel tratto tra Sanfront e Rifreddo, dove la Provincia sta svolgendo lavori di manutenzione idraulica e prevede anche un intervento di manutenzione straordinaria sulle cinque campate ad arco ribassato del ponte realizzato in laterizio e pietra, risalente agli anni Trenta. La struttura del ponte si sviluppa su cinque arcate con luce netta di 14 metri circa, per una lunghezza complessiva di 60 metri misurata dalle spalle e l’impalcato ha una base bitumata di circa 7 metri con singola corsia per senso di marcia. Le superfici esterne si presentano con diffusi fenomeni di ammaloramento dovuti soprattutto all’acqua piovana che ha dilavato la malta e causato il distacco di mattoni, mentre l’azione impetuosa del Po in condizioni di piena ha nel tempo danneggiato la parte sommitale dei rostri delle pile.

La Provincia ha affidato l’innovativo intervento di analisi del ponte ad uno dei diversi studi specializzati. Nel caso specifico si tratta dello studio AdHoc 3D Solutions (www.adhoc3d.com) che fornisce, primo spin-off di un’università italiana, soluzioni personalizzate per il rilievo, la cartografia e i sistemi informativi. Dal 2006 supporta anche grandi progetti di ingegneria in Italia ed all’estero. La AdHoc Maintenance Manager è una soluzione sviluppata per le infrastrutture che consente di gestirne la manutenzione, dalla mappatura del degrado alla documentazione degli interventi effettuati. Lo studio ha vinto il premio innovazione Smau Milano per l’applicazione al tunnel del Monte Bianco e implementa le linee guida recentemente emanate dal Ministero Infrastrutture e Trasporti per i ponti e le gallerie.

Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente