La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Mercoledì 12 agosto 2020

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Il monastero di Pra ‘d Mill ha festeggiato 25 anni di vita

I monaci cistercensi domenica 5 luglio hanno festeggiato il quarto di secolo: 25 anni fa arrivavano nei boschi di Bagnolo Piemonte padre Cesare e fratel Paolo

La Guida - Il monastero di Pra ‘d Mill ha festeggiato 25 anni di vita

Bagnolo Piemonte – Il monastero di Pra ‘ d Mill domenica 5 luglio ha festeggiato il quarto di secolo di vita. Nell’omelia della Messa, padre Emanuele Marigliano, ha sottolineato che “queste montagne, queste piante, sono qui frutto della potenza creatrice di Dio che le ha generate e le ha plasmate in tempi che a noi forse sembrerebbero lunghi, ma che agli occhi di Dio sono come un istante … Proprio oggi ricorre l’anniversario dell’arrivo di padre Cesare e fratel Paolo in questo luogo, 25 anni fa. Ed in 25 anni questo luogo è profondamente cambiato. Piano piano diversi fratelli sono arrivati qui, perché per tutti noi il Signore si è fatto trovare in questo luogo, in questa fraternità. La mente creativa del nostro amico e architetto Maurizio ha dato forma agli spazi che ci accolgono, e la mano sapiente di Michele, Mauro e tanti altri hanno collaborato alla realizzazione”. Il priore del monastero cistercense ha aggiunto che “non possiamo assolutamente vedere questo monastero semplicemente come opera dell’uomo … C’è un Dio che ci ha preceduto, che ha preparato il terreno, che ha reso possibile la realizzazione di questa opera. Quanta provvidenza in modo silenzioso e nascosto ha aperto strade impensate, ha sormontato ostacoli che sembravano impossibili da superare! Questo monastero non è opera nostra e non è qui neppure per offrire a noi monaci una abitazione sicura che possiamo gestire a nostro bisogno o nostro piacere. Questo monastero è opera di Dio e dobbiamo custodire puro questo sguardo per continuare a riconoscerlo … Dobbiamo riconoscere che, secondo lo stile di Dio mite, umile e silenzioso, questo luogo è nato qui come segno di presenza di Dio che vuole abitare in mezzo a questa umanità. Questa casa non ci appartiene, questa casa è la tenda di Dio in mezzo agli uomini e tale dobbiamo custodirla. Dio continuerà la sua opera, dando a questo luogo la fisionomia che  vorrà e lo realizzerà secondo il suo stile: la mitezza, l’umiltà, la discrezione, il silenzio saranno la firma che Dio apporterà alla sua opera. A noi è chiesto di entrare in questo stile, imparando da Lui a vivere nella mitezza e nell’umiltà, per essere fedeli custodi di un’opera che Gli appartiene. Allora contemplando con stupore e riconoscenza questa opera, il nostro semplice servizio di custodi silenziosi di questa “tenda” sarà nostro riposo e nostra gioia. Il Signore continui ad abitare in mezzo a noi e ci doni occhi semplici e puri capaci di riconoscerlo nella semplice natura delle cose”.

Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente