La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Domenica 12 luglio 2020

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Lannutti compra l’ex Michelin di Fossano

270.000 metri quadrati che formeranno un nuovo centro di logistica per il basso Piemonte e non solo

La Guida - Lannutti compra l’ex Michelin di Fossano

Cuneo – Lannutti spa, il colosso cuneese delle spedizioni, trasporti e logistica integrata, ha comprato l’ex stabilimento Michelin di Fossano. 270.000 metri quadrati, che formeranno un nuovo centro di logistica che servirà non solo la provincia e il basso Piemonte ma che vuole diventare una piattaforna in grado di intercettare flussi che oggi escludono la provincia Granda.  Un centro di logistica che non andrà a sostiuirsi ma andrà ad affiancarsi sinergicamente alle attuali piattaforme Lannutti, quella storica di Madonna dell’Olmo e quella di Mondovì. 

Un investimento importante per un’azienda leader europea del settore, presente in otto Paesi (Italia, Belgio, Spagna, Francia, Repubblica Ceca, Romania, Germania, Polonia), che conta 2.000 dipendenti di cui 500 lavoratori nella provincia di Cuneo, una flotta di 3.450 mezzi, 350 kmq di magazzini in un milione di metri quadrati di area totale, e un fatturato che supera i 250 milioni.
L’investimento è di quelli sostanziosi e va a recuperare un’area industriale enorme dismessa da quel 5 novembre 2015, quando la multinazionale della gomma decise di chiudere uno dei due stabilimenti della provincia.

“In un momento particolamente difficile come questo segnato dall’epidemia del Covid-19 e dai suoi effetti pesantissimi sul tessuto economico ed industriale, abbiamo voluto fare un’operazione importante di fiducia e ottimismo nelle capacità di reazione del tessuto imprenditoriale della provincia e nelle forze vitali, sia pubbliche che private, che la Granda è in condizioni di attivare – spiega Franco Ghiglione, direttore generale della Lannutti spa – per costituire un vero e proprio sistema logistico, che sarà dotato di soluzioni tecnologiche all’avanguardia e potrà offrire prospettive di impiego interessanti in un settore, quello logistico, di grande attualità. Una grande piattaforma di un sistema logistico integrato  che va a recuperare uno spazio morto, evitando il consumo di nuovo suolo, ma attraverso la riqualificazione di un sito industriale dismesso a cui attribuire una nuova vocazione economica”.

Una scelta ancora più coraggiosa di questi tempi e in una provincia da sempre dimenticata dal punto di vista delle infrastrutture con opere che sono decenni che aspettano di essere concluse. La piattaforma fornirà servizi al tessuto industriale della provincia e del basso Piemonte ma vuole anche intercettare flussi che oggi non toccano il territorio, quelli che non fanno riferimento ai porti di Savona e Genova e che raggiungono in ogni caso la pianura Padana, i Paesi del Nord dell’Europa, la Francia e la Germania.

Servizio completo su La Guida del 4 giugno.

Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente