La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Martedì 11 agosto 2020

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Per il turismo in Piemonte 40 milioni di euro

Bonus per alberghi e strutture ricettive, campagne di promozione e voucher vacanza: presentato il pacchetto di misure per rilanciare e sostenere il sistema turistico del territorio

La Guida - Per il turismo in Piemonte 40 milioni di euro

Torino – Alla Reggia di Venaria è stato presentato il piano per rilanciare il turismo in Piemonte, illustrato dal presidente della Regione, Alberto Cirio, dal vicepresidente Fabio Carosso e dall’assessore al Turismo, Valentina Poggio, davanti a una platea di rappresentati di enti, associazioni e consorzi turistici. Tra gli interventi di “Riparti Turismo”, articolato programma di misure del valore complessivo di 40 milioni di euro, sono previsti 10.7 milioni di euro quale contributo a fondo perduto per le attività ricettive alberghiere ed extralberghiere per adeguare le strutture alle nuove norme di sicurezza sanitaria e distanziamento sociale. Il “bonus turismo” va da 1.800 a oltre 9.000 euro per gli hotel, 1.300 euro per affittacamere, agriturismi, alloggi vacanze e country house, 650 euro per bed & breakfast imprenditoriali, da 2.000 a 2.600 euro per case vacanze, ostelli e Cav residence e da 3.300 a 5.300 euro per campeggi e villaggi turistici. Per chi soggiornerà in Piemonte, su tre pernottamenti uno sarà offerto dalla Regione e uno dall’operatore turistico, tramite i “voucher vacanze”. Per la campagna di promozione e marketing turistici sono stati stanziati 4 milioni di euro, mentre 1,6 milioni è il contributo per la promozione della domanda turistica attraverso i consorzi riconosciuti in ambito regionale. Ad eventi e manifestazioni di forte richiamo turistico da realizzare sul territorio regionale saranno riservati 4,2 milioni di euro, mentre 6 milioni è la dotazione per potenziare l’azione delle Atl per progetti e promozione dei prodotti turistici locali. L’azione delle Pro Loco per la valorizzazione e animazione turistico-territoriale sarà sostenuta con 1,5 milioni di euro, mentre 6 milioni di contributo a fondo perduto saranno dedicati all’allestimento di spazi attrezzati all’aperto, nelle strutture ricettive e impiantistiche, per consentirne la migliore fruizione nel rispetto delle linee guida sanitarie. Per l’offerta in quota, infine, 500 mila euro per i rifugi alpini ed escursionistici per interventi di adeguamento alle prescrizioni di sicurezza sanitaria

“Abbiamo scelto la Reggia di Venaria per presentare il nostro piano di rilancio del turismo piemontese – commenta il presidente della Regione Piemonte, Alberto Cirio – perché qualche anno fa c’era chi pensava di abbatterla e adesso eccola qui, in tutto il suo splendore, quale simbolo di rinascita, che ci ricorda che le difficoltà più grandi si superano lavorando insieme. Questo piano è una inizione di fiducia e risorse per far ripartire uno dei pilastri dell’economia del nostro territorio”. “Un’operazione a 360 gradi – spiega l’assessore Valentina Poggio – per una regione che vive di turismo e questo piano deve e vuole essere un rilancio dell’immagine e del brand Piemonte. Sono certa che i turisti saranno sempre più attratti dai nostri splendidi territori”. “Non ci siamo dimenticati dei rifugi di montagna – ha concluso il vicepresidente Fabio Carosso – che rappresentano una delle perle delle nostre vette alpine e che vogliamo diventino, sempre di più, una mèta ambìta”.

Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente