La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Venerdì 5 giugno 2020

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

A Peveragno i parchi gioco rimangono chiusi

Secondo il sindaco Paolo Renaudi si tratta di una norma inapplicabile per gli enti pubblici

La Guida - A Peveragno i parchi gioco rimangono chiusi

Peveragno – Rimangono chiusi i parchi giochi, almeno per il momento, a causa di una norma che il sindaco Paolo Renaudi giudica inapplicabile per un Comune. “Fino a quando la norma rimarrà tale, i parchi giochi non potranno riaprire. Speriamo che chi l’ha scritta la rilegga e prenda provvedimenti”.
La regola di cui parla il primo cittadino riportata sull’ultimo Dpcm, consente l’accesso del pubblico ai parchi, alle ville e ai giardini pubblici, limitatamente al rigoroso rispetto del divieto di assembramento, nonché al mantenimento della distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro. Consente l’accesso dei minori anche assieme ai familiari o ad altre persone conviventi o deputate alla loro cura, per svolgere attività ludica o ricreativa all’aperto nel rispetto delle linee guida, rimandando all’allegato 8. “Peccato che l’allegato 8 – spiega Renaudi – ci dice che il gestore, cioè il Comune visto che sono aree pubbliche, debba mettere a disposizione personale per la pulizia periodica degli arredi, approfondita e frequente delle superfici più toccate, almeno giornaliera e con detergente. Oltre alla supervisione degli spazi per controllare se le persone rispettano il distanziamento, l’accompagnamento dei minori, ecc. Insomma, una norma inapplicabile per un Comune”.

Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy