La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Mercoledì 17 agosto 2022

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Attenti al Giappone!

Nel paese del Sol Levante la riapertura delle scuole ha fatto esplodere il contagio

La Guida - Attenti al Giappone!

 

Il paese del Sol Levante era stato fino a pochi giorni fa una positiva anomalia rispetto al resto del mondo: il virus lì è arrivato ben prima che in Italia – i primi casi accertati risalgono al 20 gennaio – ma il contagio ha avuto una diffusione lentissima: ancora un mese dopo i casi totali erano meno di 100. Un bel successo, anche considerata la vicinanza con la Cina.
Il premier Shinzo Abe aveva ordinato la chiusura delle scuole a partire dal 2 marzo, e il seppur blando shut down (per moltissime aziende non è cambiato nulla, in questo periodo), unito forse ad un po’ di fortuna, sembrava dare buoni frutti.
Così non è stato: le scuole hanno riaperto e questo, unito ad una certa rilassatezza per i numeri che apparivano sotto controllo, ha scatenato la diffusione del virus, soprattutto a Tokyo. La crescita ora appare velocissima: la curva dei contagi evolve in modo esponenziale.
La crescita è tale quando in un grafico semilogaritmico come quello di fig. 1 i dati si dispongono lungo una linea retta, e questo è proprio ciò che sta succedendo in Giappone da oltre due mesi. In assoluto i numeri sono ancora bassi: meno della Danimarca o della Norvegia, tanto per capirci; ma sufficiente a far dichiarare martedì lo stato di emergenza per il coronavirus a Tokyo, Osaka e in altre cinque prefetture densamente popolate.
Il dubbio è che anche qui i numeri reali siano molto più alti di quelli ufficiali, anche per il fatto che sono stati fatti finora pochissimi tamponi. La gente è libera di muoversi, ma il disciplinatissimo popolo nipponico limita al massimo le uscite, per senso di responsabilità unito alla paura del contagio. E così le strade di Tokyo sono quasi deserte.
Quanto succede in Giappone deve farci riflettere sui rischi di un allentamento delle misure; anche quando sembra sotto controllo, il virus può ripartire e diffondersi di nuovo con rapidità.
Un’ultima annotazione: come è logico, sono le grandi metropoli ad essere più colpite: New York, Madrid, Milano, Tokyo.

Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente