La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Domenica 5 aprile 2020

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Le donne in prima linea di fronte al coronavirus

Gli effetti possono essere peggiori per le donne che per gli uomini: venga riconosciuto il giusto valore al lavoro femminile

La Guida - Le donne in prima linea di fronte al coronavirus

E’ solo un richiamo ad un’antica realtà, lanciato da autorevoli Istituzioni: gli effetti del coronavirus possono essere peggiori per le donne che per gli uomini. Se, da una parte tutti i settori in prima linea nella lotta alla pandemia sono largamente costituiti da lavoratrici, dall’altra, le misure restrittive come la chiusura delle scuole e dei servizi, rischiano di pesare maggiormente sulle spalle delle donne.

Alcune cifre: in un rapporto del WEF (World economic Forum) del 2018 si legge: “Delle circa 43 milioni di persone che lavorano nel settore sanitario al mondo, oltre il 70% sono donne, ma queste ricoprono solo il 35% dei ruoli manageriali. Tale dato lascia supporre che il contributo delle donne nel settore sia cresciuto al punto da diventare dominante, tranne nei ruoli di leadership, che restano in prevalenza appannaggio degli uomini”.

Un rapporto della Commissione europea per l’anno 2017 riferisce: “Nell’Unione europea, Il settore della sanità e dei servizi sociali resta un settore ad alta intensità di manodopera femminile: quattro operatori su cinque sono donne (…).

Per l’Italia, secondo il Ministero della Salute nel 2017 “il 66,8% del personale del SSN è composto da donne, contro il 33,2% degli uomini”.

Saranno cifre da non dimenticare, affinché,  nella nuova Europa che verrà, venga riconosciuto il giusto valore al lavoro femminile e la parità di diritti anche nel lavoro.

Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy