La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Domenica 12 luglio 2020

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

La filiera del latte sta rischiando la crisi per il calo dei consumi

Grido d'allarme dei produttori, la Regione coinvolge Inalpi e sta per derogare sull'utilizzo del siero negli impianti di biogas

La Guida - La filiera del latte sta rischiando la crisi per il calo dei consumi

Cuneo – Il grido d’allarme della filiera lattiero-casearia è stato sentito e qualcosa si sta muovendo, per dare risposte a un comparto essenziale nel primario piemontese, che ogni anno produce oltre sei milioni di quintali di latte (la metà in provincia di Cuneo) ma che in queste settimane fa i conti con un drastico calo dei consumi, anche per il blocco di ristoranti, mense e bar. I produttori di latte hanno segnalato con forza il problema, ricordando che la filiera è a rischio: la Regione sta rispondendo con un potenziamento della trasformazione in latte in polvere.
Le verifiche dell’assessorato regionale all’agricoltura con i rappresentanti della filiera hanno confermato la necessità di operare rapidamente su due fronti: l’utilizzo del latte prodotto alla stalla e non ritirato dalle aziende di trasformazione a causa dei cali delle vendite sul mercato interno ed estero, specie per il comparto dei prodotti lattiero-caseari freschi e freschissimi destinati al canale della ristorazione collettiva; la raccolta del siero dai caseifici da destinare agli impianti digestori per la produzione di biogas.
Per il primo aspetto, ha risposto positivamente la Inalpi SpA di Moretta, che sta provvedendo al ritiro del latte di tutti i quantitativi proposti, in gran parte destinati alla produzione di latte in polvere (eventuali eccedenze andranno fuori regione). Per il siero, è in preparazione una delibera di giunta che consenta temporaneamente l’invio di siero di latte, tal quale o concentrato, come sottoprodotto per gli impianti di digestione anaerobica.

Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente