La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Giovedì 9 aprile 2020

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

I soci Ubi, anche Fondazione Crc, respingono l’offerta Intesa

I soci del patto Car definiscono "inacettabile" l'offerta pubblica di scambio avanza da Intesa Sanpaolo

La Guida - I soci Ubi, anche Fondazione Crc, respingono l’offerta Intesa

Cuneo – I soci Ubi Banca del patto Car, il Comitato fra Azionisti di Riferimento, tra cui la Fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo, che si sono riuniti oggi a Bergamo hanno respinto l’offerta pubblica di scambio avanzata da Intesa Sanpaolo. La definiscono “ostile, non concordata, non coerente con i valori impliciti di Ubi e dunque inaccettabile”.

I soci del patto Car, a cui aderiscono la Fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo che detiene il 5,91%, la Fondazione Banca del Monte di Lombardia con il 3,95% e cinque azionisti bergamaschi: la Polifin della famiglia Bosatelli 2,85%, la Next Investment Srl che fa capo alla famiglia Bombassei 1,005%, P4P Int e la famiglia Pilenga 1,005%, Radici Group e la famiglia Gianni Radici 1,044%, Scame Spa e la famiglia Andreoletti 1,011% e la famiglia Gussalli Beretta di Brescia con l’1%.
I soci non ritengono l’offerta di Intesa Sanpaolo sia un grado di “tutelare il loro investimento e la banca con in suoi territori di riferimento”… “Ubi è una Banca sana, stabile, redditizia, ben gestita per competenze, risorse umane, competitiva e riconosciuta sul mercato di riferimento, realtà centrale per il sistema socio-economico del Paese”.

A poche ore dall’offerta aveva messo le mani avanti proprioc il presidente della Fondazione CrC Giandomenico Genta: “…valuteremo con particolare attenzione implicazioni dell’offerta e possibili scenari”. Ma ora i soci del patto mettono uno stop che sembra senza se e senza ma. In realtà anche i soci del patto sanno che a decidere le sorti della scalata di Intesa Sanpaolo su Ubi Banca saranno soprattutto i fondi d’investimento, molti dei quali esteri, perché circa la metà del capitale di Ubi è attualmente in mano loro.

Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy