La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Lunedì 6 luglio 2020

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

A processo tre giovani accusati di lesioni con aggravante razziale

I fatti risalgono alla notte del 4 maggio 2017 quando, agli ex lavatoi di Cuneo, scoppiò una rissa ai danni di un ragazzo senegalese

La Guida - A processo tre giovani accusati di lesioni con aggravante razziale

L'edificio del tribunale di Cuneo, in piazza Galimberti.

Cuneo – Dopo averlo insultato per il colore della sua pelle, lo avevano preso a pugni e gli avevano tirato pietre e bottiglie. Con l’accusa di lesioni con aggravante razziale, sono imputati al Tribunale di Cuneo tre giovani, due di origini albanesi e un italiano N.B., N.E. e M.G., che nella notte del 4 maggio 2017 negli ex lavatoi di Cuneo scatenarono una rissa ai danni di un giovane di origine senegalese. I ragazzi ballavano all’interno del locale quando è iniziato il litigio ed è volato il pugno. Le urla dei clienti fecero accorrere i proprietari e l’addetto alla sicurezza che portarono fuori i ragazzi. All’esterno del locale però la lite continuò e il gruppo di ragazzi iniziò il lancio di pietre all’indirizzo del ragazzo che cercò rifugio nel locale. “Uno ha preso le pietre da fuori e le ha tirate – ha detto in aula il buttafuori – ho visto il lancio delle pietre, ma il ragazzo non è stato colpito. Io ho bloccato i ragazzi alla porta quando tirvavano le pietre”. Poi ha riferito dei fatti anche l’ex fidanzata del ragazzo aggredito, la quale ha raccontato di aver cercato di dividere i ragazzi che litigavano, ma poi era rientrata all’interno del locale e a quel punto aveva visto volare delle bottiglie, “qualcuno lo aveva seguito dentro e aveva tirato delle bottiglie – ha detto la ragazza – anche io sono stata colpita di striscio, mentre il rgazzo era ferito al labbro e sporco di sangue”. In aula ieri erano presenti due degli imputati ma tutti e due i testi hanno escluso che N.B. facesse parte del gruppo di aggressori. L’udienza è stata rinviata all’8 luglio per ascoltare altri 10 testi.

 

Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente