La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Mercoledì 25 maggio 2022

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Mahle e Ilva, appello delle Acli alle istituzioni per soluzioni positive

Preoccupazione per i lavoratori e le loro famiglie, in particolare per gli stabilimenti Mahle di Saluzzo e Ilva di Racconigi

La Guida - Mahle e Ilva, appello delle Acli alle istituzioni per soluzioni positive

Cuneo – Due casi “pesanti” sul territorio per quanto riguarda gli aspetti occupazionali, due situazioni produttive che si innescano in vicende di portata internazionale ma che intanto hanno forti conseguenze a livello locale: su Mahle (i cui addetti sono in presidio a Torino venerdì 17 gennaio) e Ilva intervengono anche le Acli della Granda, che tramite la presidenza provinciale guidata da Elio Lingua sollecitano le istituzioni a intervenire a favore dei lavoratori coinvolti.
Ecco la lettera aperta diffusa dai referenti dell’Acli nella Granda, con particolare attenzione per gli stabilimenti Mahle di Saluzzo (nella foto) e Ilva di Racconigi.
Il 28 novembre 2018 la Mahle, multinazionale tedesca della componentistica auto, su richiesta dei sindacati, ha accolto parzialmente la richiesta di ritirare la procedure di licenziamento legate alla chiusura della produzione dei siti di La Loggia e di Saluzzo. Una sospensione di 60 giorni, per trovare altre soluzioni industriali e dare un futuro ai 453 lavoratori complessivi, dei quali 240 a La Loggia e 213 a Saluzzo, oltre a una decina di dipendenti di ditte esterne (mensa e pulizie).
A un mese e mezzo dall’accordo, non ci sono notizie positive riguardanti la soluzione del problema e la multinazionale, che aveva preannunciato l’intenzione di trasferire la produzione in Polonia, collegando la decisione al drastico calo di motori diesel, non ha ancora dato risposte esaurienti. Recentemente è stata inoltrata dai sindacati una nuova richiesta di incontro ministeriale, inoltre è stato indetto un presidio, il 17 gennaio, in piazza Castello a Torino di fronte alla sede della Regione Piemonte, per sollecitare un sostegno forte nei prossimi confronti.
Anche la crisi dell’Ilva di Taranto, uno stabilimento geograficamente lontano, ma che può creare forti ripercussioni per il Piemonte e, in particolare, l’Ilva di Novi Ligure (800 lavoratori) e di Racconigi (200), è tutt’altro che risolta e continua a preoccupare famiglie e comunità.
Le Acli provinciali di Cuneo seguono con preoccupazione le vicende di queste due aziende e, richiamando l’importanza fondamentale del lavoro per garantire la dignità personale e familiare:
esprimono forte vicinanza ai lavoratori coinvolti nella crisi, in questo momento di grande incertezza;
auspicano che i manager tedeschi Mahle tornino definitivamente sulla decisione assunta, ritirando i licenziamenti e che la situazione dell’Ilva di Taranto si risolva favorevolmente;
chiedono alle istituzioni: Provincia, Regione e Governo, di tutelare i lavoratori, assumendosi la responsabilità di intervenire, mettendo in campo tutti gli strumenti utili a risolvere la situazione;
sollecitano il Governo a promuovere una legislazione in grado di impedire alle multinazionali straniere di delocalizzare in altri Paesi le produzioni per tanti anni realizzate in Italia.

Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente