La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Martedì 21 gennaio 2020

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Compensi e prestanome, tre denunce per bancarotta fraudolenta

Due operazioni della Guardia di Finanza di Bra per imprese legate all'edilizia: sottratti almeno 300.000 euro

La Guida - Compensi e prestanome, tre denunce per bancarotta fraudolenta

Bra – La Guardia di Finanza ha smascherato, con due operazioni, casi di bancarotta fraudolenta che hanno portato alla denuncia di tre imprenditori, con somme illecitamente sottratte ai patrimoni societari per almeno 300.000 euro. I finanzieri del Gruppo di Bra hanno individuato gravi condotte, a carico degli amministratori di due società, che hanno pregiudicato gli interessi di numerosi creditori, portando le società a essere insolventi.
Su mandato della Procura della Repubblica di Asti, i militari spiegano di aver fatto emergere “la sistematica e volontaria spoliazione di una società operante nel settore edile, dedita alla lavorazione dei marmi, i cui amministratori pro tempore, tra il 2012 ed il 2016, alterando le scritture contabili, l’hanno tenuta impropriamente attiva, permettendone l’ulteriore svolgimento dell’attività, compresa la stipula di contratti onerosi, mentre in realtà sussisteva la necessità di avviare un’adeguata procedura di liquidazione, a causa degli indicatori di dissesto finanziario chiaramente emergenti”. Tra i metodi usati, compensi per gli amministratori superiori a quelli deliberati dall’assemblea, con importanti uscite di cassa, a danno dei veri creditori dell’impresa.
Modi simili in un’altra società operante nel contesto edile, specializzata nelle operazioni di ristrutturazione e rivendita di immobili: gli amministratori sono accusati di aver “distratto una buona parte delle consistenze patrimoniali, sfruttando schemi restitutori artificiosamente elaborati, privando i reali creditori del normale ristoro”, anche attraverso prestanome.
Sono state accertate somme illecitamente sottratte ai patrimoni societari per 300.000 euro e sono state denunciate tre persone considerate responsabili per i reati, previsti dalla normativa fallimentare, di bancarotta fraudolenta patrimoniale e documentale.

Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy