La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Sabato 4 luglio 2020

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

L’Italia del dopoguerra che si trasforma

“After Miss Julie” martedì 14 gennaio al Toselli la rivisitazione de “La signorina Giulia” di Strindberg, provocazione e dramma

La Guida - L’Italia del dopoguerra che si trasforma

Cuneo – Dopo la pausa natalizia riprende il cartellone del Toselli martedì 14 gennaio alle 21 con “After Miss Julie” di Patrick Marber con Gabriella Pession, Lino Guanciale e Roberta Lidia De Stefano per la regia Giampiero Solari.

È il primo allestimento italiano del testo di Marber, ambientato nell’Inghilterra degli anni Quaranta, subito dopo la fine della guerra e la vittoria laburista, già riscrittura del capolavoro classico “La signorina Giulia” di August Strindberg. La scena nel testo italiano ha una data precisa e un posto preciso:  la notte del 29 aprile del ’45 a Milano dove sono in corso festeggiamenti per la Liberazione dall’occupazione nazifascista: momento storico che apre un periodo carico di conflitti e di trasformazioni che segneranno i costumi e la società italiana. Le tensioni tra le classi sociali e il desiderio di autodeterminazione delle donne sono i due motori della storia di quel momento. La vicenda si svolge nella cucina di un’antica villa alle porte della città in uno spazio seminterrato dove, la signorina Giulia, donna dell’alta società italiana, decide di giocare a trasgredire sotto tutti i punti di vista. Spinta da uno spirito irrazionale di ribellione, Giulia vuole provocare e destabilizzare tutte le persone che la circondano e i loro schemi sociali. Ed esercitando il suo ruolo di “padrona di casa” sceglie di fare quello che vuole  senza badare alle conseguenze delle sue azioni e delle sue parole nei confronti degli altri e dei sentimenti degli altri, Genera e alimenta il conflitto fino a un finale crudo e violento, tragico simbolo del dramma.

Biglietto ridotti agli abbonati de La Guida.

Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente