La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Mercoledì 15 luglio 2020

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Necroscopia alla lupa morta a Melle

La lupa femmina pesava 34 chilogrammi: in ottime condizioni di salute, aveva mangiato da poco un capriolo. È morta sicuramente per le conseguenze di un investimento stradale

La Guida - Necroscopia alla lupa morta a Melle

Melle – Ieri mercoledì 17 dicembre è stata effettuata presso la Facoltà di Medicina Veterinaria di Grugliasco la necroscopia della lupa ritrovata morta a Melle lunedì 9 dicembre dal veterinario dell’Asl Sergio Rinaudo. Il veterinario stava procedendo in orario di servizio da via Mistral verso Brossasco. all’altezza del bivio dell’inizio paese: voltandosi a sinistra per vedere se arrivassero automezzi sulla strada provinciale della valle Varaita, aveva notato, nel prato compreso tra le due via sopra citate, la carcassa di un lupo. Si era allora fermato e aveva proceduto alla identificazione dell’animale: una femmina di lupo, di età superiore ai 5 anni, considerato il consumo degli incisivi.

Spiega Sergio Rinaudo: “ L’animale del peso di 34 chilogrammi, con un’età stimata di cinque anni, presentava cinque coste rotte al fianco destro, la rottura del fegato, con milza e rene desto emorragici, versamento polmonare e lesioni craniche. Il tutto conseguente ad investimento stradale, il lupo è infatti stato investito da un mezzo nei pressi della strada provinciale della valle Varaita.Il contenuto gastrico rilevava che l’animale si era da poco alimentato ingerendo parti di un capriolo:erano infatti riconoscibili l’orecchio destro ed il muso. Le condizioni generali della lupa erano ottime ed è stato ipotizzato che potesse essere la femmina alfa”. Gli esami necroscopici sulla lupa sono stati effettuati in collaborazione con il Centro ricerche sulle malattie animali selvatici della sezione dell’IZS di Aosta.

Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente