La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Lunedì 5 dicembre 2022

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

La transumanza Patrimonio immateriale dell’Unesco

È la scelta di proteggere e ridare vita ai territori della montagna, l'Italia passa in testa come iscrizioni Unesco immateriali

La Guida - La transumanza Patrimonio immateriale dell’Unesco

Cuneo – La transumanza diventa patrimonio immateriale dell’Unesco.  La tradizionale pratica pastorale di migrazione stagionale del bestiame lungo i tratturi e verso condizioni climatiche migliori, è stata iscritta, all’unanimità, nella Lista Rappresentativa del Patrimonio culturale immateriale dell’Unesco. Lo ha deciso il Comitato intergovernativo riunito a Bogotà in Colombia. I pastori transumanti, come sottolinea il dossier di candidatura presentato dall’Italia insieme a Grecia e Austria all’Unesco, hanno una conoscenza approfondita dell’ambiente, dell’equilibrio ecologico tra uomo e natura e dei cambiamenti climatici: si tratta infatti di uno dei metodi di allevamento più sostenibili ed efficienti. Ora l’Italia acquisisce il primato di iscrizioni in ambito rurale e agroalimentare, superando Turchia e Belgio.

Soddisfazione da parte di Marco Bussone, presidente nazionale Uncem, Unione dei Comuni e degli Enti montani:”La transumanza è, dopo i muretti a secco, i paesaggi vitivinicoli di Langhe e Prosecco, emblema della montagna che resiste. È forza dei margari, uso sapiente dei territori, salire e scendere metafisica rappresentazione della vita. La transumanza è la montagna. È anche quella forza dei pastori locali che sfidano, nelle gare per la gestione dei pascoli, fantomatiche aziende agricole dell’altrove che provano a speculare sui territori a danno delle comunità locali. La transumanza è la scelta di proteggere e ridare vita ai territori, da San Giovanni a San Michele e non solo. Dura, resistente, piena di fatica, rito collettivo che emoziona nella salita e nella discesa, festa della valle, gioia della comuntà, attrattiva turistica, marketing territoriale. Unione delle famiglie allargate dei margari e degli allevatori”.

Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente